34.1 C
Roma
32.5 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
poche nuvole
28.1 ° C
29.1 °
26.8 °
54 %
3.1kmh
20 %
Mar
28 °
Mer
26 °
Gio
27 °
Ven
28 °
Sab
28 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeLGBTIQ+Africa & Maghreb lgtbIl Sudafrica potrebbe perdere i diritti LGTB ora che Mandela non c'è...

Il Sudafrica potrebbe perdere i diritti LGTB ora che Mandela non c’è più

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Sudafrica Diritti LGTBdi Daniele Santi

Il quotidiano LGTB australiano Gaystarnews pubblica un articolo dove raccoglie la testimonianza di attivisti LGTB del paese che si dichiarano “coscienti” della possibilità che i diritti che la Costituzione sudafricana prevede per le persone LGTB, vengano messi in discussione e cancellati ora che Nelson Mandela non c’è più.

Il presidente sudafricano Zuma, esattamente come hanno fatto molti dei suoi omologhi africani, ha rilasciato – o si è fatto sfuggire – commenti ad altissimo contenuto omofobo come “Quando io ero piccolo un ungqingili (un uomo gay) non mi avrebbe potuto parlare, lo avrei steso con un cazzotto” o ancora “Il matrimonio gay è una disgrazia, ed è contro dio”.

Zuma non è solo nella sua perversione omofoba, anche il capo della Giustizia Mogoeng Mogoeng è un accanito odia-gay e fa parte di una chiesa che sostiene che gli omosessuali debbano essere “curati”, non si sa come, e nel 2012 il Congress of Traditional Leaders of South Africa ha più volte chiesto di emendare la Costituzione per cancellare i diritti delle persone LGTB.

Per gli attivisti intervistati, il Sudafrica potrebbe diventare un’altra Nigeria, se solo apparissero “un paio di omofobi in più con un po’ di potere politico”.

 

 

 

 

© gaiaitalia.com 2014
diritti riservati
riproduzione vietata

[useful_banner_manager banners=1 count=1]

 

 

 

 

Roma
cielo sereno
34.1 ° C
36.9 °
31.8 °
44 %
5.7kmh
0 %
Mar
33 °
Mer
37 °
Gio
36 °
Ven
37 °
Sab
36 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE