33.1 C
Roma
29.8 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
pioggia leggera
23.4 ° C
25.3 °
21.5 °
63 %
2.6kmh
40 %
Mer
23 °
Gio
23 °
Ven
23 °
Sab
24 °
Dom
16 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaLa crisi del mercato neo-liberista. Una nuova visione del lavoro mediante comunità...

La crisi del mercato neo-liberista. Una nuova visione del lavoro mediante comunità educative pensanti.

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Iole Polidoro

Nel nostro Paese il lavoro è un diritto inviolabile, regolamentato dall’art.1 della Costituzione “L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro”, eppure i dati Eurostat rispetto alla disoccupazione giovanile, sono drammaticamente registrati al 60%, ed affliggono per la maggiore, donne e Sud Italia.

In un seminario, dal titolo “Verso una nuova visione del lavoro ”, il Prof. Giorgio Vittadini, Ordinario in Scienze Statistiche presso l’Università Bicocca, di Milano, delinea i tre pilastri delle cause-effetto di un mercato del lavoro, sempre più precario e poco meritocratico. Il mercato neo-liberista, ha inevitabilmente apportato degli spazi positivi, ma al più negativi. In primis, il progresso tecnologico ha accresciuto un modus operandi, sicuramente più smart, innovativo, a tratti efficiente; basti pensare allo smart working che permette di lavorare in qualsiasi luogo, abbattendo i limiti fisici del posto di lavoro tradizionale, ad una comunicazione più diretta.

Al contempo, l’uso sfrenato della tecnologia, l’impellente avanzarsi dell’Intelligenza Artificiale, implicherà la fine inevitabile, di molti posti di lavoro ed una notevole fetta di risorse umane, ne rimarrà senza.

Ciò comporterà, una divisione sociale, ancora più schiacciante ovvero la retrocessione del reddito; le disuguaglianze saranno tra mercato del lavoro “ricco”, sempre più qualificato, d’eccellenza, che vanta esperienze formative e professionali di grande livello; per contrapporsi con un mercato “povero”, incerto, precario e poco stimolante.

Il secondo elemento, causa della decadenza del mercato del lavoro, è la “reazione del burnout”; i sistemi socio-economici, gli effetti di una globalizzazione eccessiva, tutta tesa al guadagno; ci costringe a condurre una vita illusoria, caratterizzata da ambienti tossici, ritmi lavorativi massacranti, essere sempre in competizione rispetto l’altro.

Non mancano, in materia di occupazione lavorativa, le discriminazioni legate al genere, aumenta il numero delle donne che lavorano ad un regime part-time e quelle che, sono costrette per colpa di un welfare poco meritocratico, ad abbandonare il proprio lavoro, dopo il primo figlio. Molti, troppi sono i casi di cronaca, in cui le donne lavoratrici, vengono indotte dai propri datori di lavoro ad eclissare l’idea di lavoratrice-madre, perché andrebbe ad inficiare sulla qualità della propria carriera professionale.

Infine, la terza condizione del sistema lavorativo capitalista che, ha contribuito a rendere il mercato del lavoro deleterio, è lo sminuire del lavoro manuale.

La società odierna lo ha relegato in “basso”, in opposizione ed in termini denigratori rispetto al lavoro intellettuale, sottraendo alle attività pratiche, il giusto riconoscimento, insieme alle gratificazioni materiali e psicologiche che possono generare in chi le pratica.

L’imprenditore Francois Michelin, ha concentrato i suoi affari sul mantra “le persone sono delle risorse”; il lavoro ed il lavoratore vanno valorizzati, stimolati, e non intesi come meri organizzatori di ruoli.

Il Made in Italy è un marchio stimato che va maggiormente potenziato attraverso adeguati corsi-percorsi di apprendistato, gli Istituti tecnici che devono essere in grado di formare categorie di giovani lavoratori che abbiano le conoscenze tecniche adeguate, per l’iniziazione del mestiere. Soprattutto si ha bisogno di generare una classe giovanile motivata, che si approcci al proprio lavoro, qualunque esso sia, consapevole che abbia un effetto diretto sul bene comune e che sia prossima al servizio della collettività. Abbiamo bisogno di normative nazionali e comunitarie concrete, che tutelino la sicurezza del lavoratore, ne garantiscano la qualità della vita lavorativa.

Senza un repentino cambiamento di paradigma, in cui il soggetto primo è il benessere del lavoratore, per poi pensare all’eco-transizione; senza delle comunità pensanti che educhino all’importanza del merito, erediteremo classi generazionali demotivate, prive di cuore nel fare.

 

 

(23 maggio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Roma
cielo sereno
33.1 ° C
35.6 °
29.9 °
22 %
4.1kmh
0 %
Mer
34 °
Gio
38 °
Ven
39 °
Sab
33 °
Dom
26 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE