Pubblicità
lunedì, Aprile 22, 2024
11.9 C
Roma
8.5 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeNotizieCome se fosse una cosa seriaPiantedosi e il suo "Pronti a rivedere la cauzione da 5mila euro...

Piantedosi e il suo “Pronti a rivedere la cauzione da 5mila euro per chi chiede asilo”

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giancarlo Grassi

E’ sempre più difficile capire se mancano di senno o di senso del ridicolo, sta di fatto che dal governo Meloni, per bocca del ministro Piantedosi continuano ad arrivare dichiarazioni che fanno accapponare la pelle. E poco importa che l’apertura sia “Pronti a rivedere la cauzione da 5mila euro per chi chiede asilo”, perché poi ci si copre di ridicolo con quella seguente: “Si può prevedere una gradazione dell’importo, valutando caso per caso”.

Tanto per fare un esempio facile facile, in Tunisia 5000 € si guadagnano in 28 mesi di lavoro. E francamente parlando di “prevedere una gradazione dell’importo, valutando caso per caso”, pare essere coniato per un inno al turismo quando invece si parla di gente che crepa in mare e quando viene salvata viene spedita nei porti più a Nord possibilmente in città governate dal centrosinistra, che si prendano un po’ di responsabilità questi comunisti.

Naturalmente Piantedosi, per mettersi al riparo da possibili contestazione e dimenticandosi di dire che all’UE il piano in Albania non piace per niente e ha detto “no alla procedura d’urgenza” – e guarda guarda Meloni viaggia in Egitto per portare a casa un altro piano anti-migranti con un altro dittatore che non ha dato nemmeno una risposta sull’omicidio brutale di un italiano, tale Giulio Regeni, per chi ha poca memoria – e ha ricordato, riporta La Stampa, che il governo sta lavorando e che intende mettere in campo per fermare l’emergenza a “un progetto innovativo, che è ancora sulla carta, stiamo vedendo con Palazzo Chigi e i colleghi ministri, di praticare anche una innovativa creazione di corridoi d’ingresso per lavoro, dedicati a Paesi che possono essere oggetto di negoziato, di accordi finalizzati alla creazione di corridoi d’ingresso per lavoro”.

Non sanno cosa fare. Non sanno come raccontare che non sanno cosa fare. E non sanno nemmeno arrampicarsi sugli specchi.

 

 

(15 marzo 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE