18.4 C
Roma
17.4 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaE' certo che Pozzolo diceva il giusto quando scriveva che le pistole...

E’ certo che Pozzolo diceva il giusto quando scriveva che le pistole non sparano da sole, spunta infatti un testimone che….

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Il quotidiano Repubblica pubblica quest’oggi un’intervista a un testimone che afferma di avere assistito al giocherellare con pistola del prode Pozzolo da Vercelli arrivato “allegro” alla festa che si stava chiudendo quasi a dimostrare la veridicità del post su Twitter (ora X) che affermava che le pistole non sparano da sole.

Il testimone citato da Repubblica afferma: “Abbiamo avuto tutti paura, c’erano dei bambini. Pozzolo è arrivato a fine serata, stavamo andando via: era allegro, ha tirato fuori la pistola senza che nessuno glielo avesse chiesto e all’improvviso è partito lo sparo”, perché succede che se ti porti appresso una pistola e ci giocherelli il colpo parte, soprattutto se è carica. Repubblica cita un agente di polizia che era presente alla cena di Capodanno nella sala affittata per l’occasione dal sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro, sua sorella Francesca, che è sindaca del paesino, e da altri 28 invitati.

E così mentre la telenovela dell’essersi sottoposto o no alla prova per evidenziare presenza di polvere da sparo su indumenti e mani, e mentre Pozzolo si è esposto al pubblico ludibrio con la rivendicazione sparata in faccia agli agenti di immunità parlamentare – dimenticossi Pozzolo da Vercelli che a seguito della riforma dell’articolo 68 della Costituzione del 1993, la magistratura non deve più chiedere l’autorizzazione della Camera prima di svolgere indagini su un deputato, a meno che non ne richieda l’arresto.

Si profilerebbe così all’orizzonte del Fratello d’Italia di Vercelli (“Io sono di Biella, sottolinea Delmastro abile ora a sottolineare una distanza) l’autosospensione, ne parlano gole profonde parlamentari che, ugualmente, parlano di una Giorgia Meloni furiosa per le scorribande di troppi dei suoi ragazzacci, scapestrati mica cattivi.

Ciò che è certa è la necessità di porre un freno a questi comportamenti che, a pensare male, sembrerebbero dettati da un’equazione un po’ distorta che recita sono di Fratelli d’Italia eletto in parlamento e farei quello che mi pare che certamente non giova a Meloni, non giova al Governo, ma soprattutto fa male al paese palesando l’inadeguatezza di chi, rivestendo un ruolo istituzionale, dovrebbe essere capace di tenersi a bada. I fatti sembrano andare in un’altra direzione.

 

 

(3 gennaio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE