O della gradevole storia della giovine che lavora a Milano e dorme a Napoli con la quale ci hanno intrattenuto

Leggi di più

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

Volpi e Garozzo consegnano il fioretto alla Città di Torino

di Redazione Torino Il Grand Prix FIE TROFEO INALPI incorona Torino capitale mondiale del fioretto nell’ambito della prima prova del calendario GRAND PRIX SERIE 2023 di fioretto maschile e femminile in programma al Pala Alpitour dal 10 al 12 febbraio, Alice Volpi e Daniele Garozzo consegneranno il fioretto al sindaco Stefano Lo Russo e all’assessore allo Sport e […]

Tragedia sul lavoro nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio: muore un 33enne

di Redazione Alessandria Tragedia nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio, nell’Alessandrino attorno all’una di notte del 7 febbraio. Uno scoppio, dovuto probabilmente a una fuga di gas, e la fiammata che ne è seguita, ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di un altro operaio. La vittima è un uomo di 33 anni, calabrese, in […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

CONDIVIDI

di D.S.

Nei giorni scorsi siamo stati sì piacevolmente intrattenuti dalla storia che ha commosso l’Italia della giovin stakanovista che lavora a Milano e vive a Napoli che parte al mattino presto e rientra a notte tarda, per potersi concedere il lusso di lavorare. La gradevole storia ha scomodato persino giornalisti di grido (aiuto!) che da emittenti radiofoniche nazionali di sicuro prestigio c’hanno dedicato quasi un’intera mattinata, alla gradevole storia della giovin stakanovista, con dovizia di orari di partenza e ritorno (al minuto ce li hanno dati, i certosini), pranzi e colazioni in treno, possibili orari di inizio e fine lavoro, sconti sulle varie Frecce, toni di fintissima compassione e felicità nascoste per essere riusciti finalmente a riempire un’altra mattinata di programmazione con storielle che non servono nemmeno a chi le racconta. Dopodiché l’oblio. Della storiella e della giovin stakanovista si persero le tracce.

“Che accade? Che accade? Che accade?” [cit.]; non sappiamo.

Mio figlio ha 26 anni, lavora all’estero in una megalopoli e fa il fornaio. Per iniziare il lavoro alle 22.30 esce di casa alle 21.00 e rientra, dopo avere finito il lavoro alle 8 del mattino, alle 9.30. E’ pure contento di farlo. Non sarà che in quel paese (che non nominerò) mancano giornalisti di grido (aiuto!) che da emittenti radiofoniche nazionali di sicuro prestigio riempiono gli spazi con storielle pur di raccontare qualcosa? Pensate voi cosa si perdono.

 

(22 gennaio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: