Pubblicità
giovedì, Aprile 25, 2024
7.6 C
Roma
6 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCoherentia et honestateVogliono togliere 500 euro ai 18enni da spendere in cultura e nel...

Vogliono togliere 500 euro ai 18enni da spendere in cultura e nel mentre si concedono 5500 euro di tecnologia

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giancarlo Grassi

La presidente del Consiglio in sfavillante Armani, sorriso da Regina che dal palco d’onore osserva con benevolenza il popolo che applaude (applaude il presidente della Repubblica e non lei, ma sempre applausi sono, finché durano), si è presentata alla prima della Scala mentre il suo parlamento discuteva di togliere 500 € di buono cultura ai 18enni e contemporaneamente si regalava 5500 € di tecnologia, perché “aumentano le spese di cancelleria” dunque, essendo i tablet fatti di carta, toccava sostenere questi bisognosi ai quali non bastano i 15mila euro mensili.

E’ questa la protervia stracciona di una classe dirigente che da ormai tre decenni si ritiene superiore a chi la vota, riempiendo il popolo elettore di fandonie e panzane che si rimangia una volta salita al potere con misure che dal 1994 bloccano il paese e ne impediscono una naturale evoluzione verso il futuro ancorandolo al passato – un passato che fa comodo alle signorìe in parlamento assise. Ma potrebbe davvero essere il colpo di coda di una destra che non conosce classe dirigente degna di tale nome, oltre a non conoscere vergogna, e che continua nell’antico adagio di creare tensioni e contrapposizioni persino quando dall’UE – che hanno contestato in tutti i modi – arrivano finanziamenti che nessun politico dotato di senno e che abbia a cuore il popolo di cui si riempie la bocca si sognerebbe mai di perdere.

Ma da queste parti si dà la colpa a Draghi tra tensioni con Bruxelles, con Parigi, silenzi sul Mes e influenze diplomatiche che non fanno che mettere in risalto uno spietato sotto l’Armani il niente, che è il pessimo titolo di un brutto film la cui sceneggiatura era facilissima da interpretare anche prima del ciak.

 

(10 dicembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE