Metti che Calenda voglia solo farsi bello (e invece magari la strategia è un’altra)

Pubblicità

Condividi

di Daniele Santi

Intrappolato nell’ennesima idea meravigliosa di quello zuzzerellone di Matteo Renzi – se perdi il nome ce l’hai messo tu, se vinciamo l’operazione l’ho inventata io – ecco Carlo Calenda infilarsi nell’ennesima avventura della sua non certo lunga, ma assai lucida, carriera politica.

Abbandonando il facile poltronismo (“Se avessi voluto vincere la poltrona, me ne sarei stato nel PD”, ha detto più volte) e dopo avere lanciato la manifestazione contro la Guerra di Milano versus quella di Roma, più importante semplicemente perché l’ha lanciata lui perché quanto si è unici lo si è in tutto ciò che si fa, condendo i suoi discorsi di una vinagrette acida che prende a sberle l’interlocutore ma lo fa per compassione, Calenda si lancia alla conquista della Lombardia con Letizia Moratti che secondo i sondaggi sarebbe l’unica a poter battere Fontana. L’operazione è confusa, vede protagonisti Calenda e Renzi e una parte del PD, la corrente di Base Riformista secondo alcuni commentatori, e del resto della coalizione possibile non v’è certezza anche se è difficile pensare che Forza Italia non salga sul carro-Moratti nel caso che…

Vinceranno? Non si sa. Le elezioni sono molto vicine, ma anche molto lontane come tutto ciò che si muove in politica in questo paese. Calenda da parte sua prosegue diritto per la sua strada rivendicando la coerenza delle sue azioni e l’attaccamento alle sue idee; la strategia, come insegna Meloni, alla lunga paga. E la politica ha tempi medio lunghi, nonostante sembri il contrario.  E poi, soprattutto di questi tempi, c’è sempre il PD a cui poter dare la colpa dei proprio fallimenti, strategia inconcludente inaugurata proprio dalle parti del centro renzian-calendiano che guarda un po’ a chi è disponibile a destra come a sinistra.

E non è detto che la strategia, alla lunga, non sia quella vincente.

 

(6 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Giorgia Meloni fu Ministra nel Governo Berlusconi IV dal 2008 al 2011. Pubblichiamo gli atti

di Giovanna Di Rosa #Maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #Maicoifascisti   La Signora On. Meloni, ex Ministra del governo Berlusconi IV che fu...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: