Pubblicità
sabato, Aprile 20, 2024
11.1 C
Roma
11.4 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeGiustappunto!Covid 19: terza estate di amnesie #giustappunto

Covid 19: terza estate di amnesie #giustappunto

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Vittorio Lussana

Una quarta dose di vaccino per gli over 60. Questo il piano del Governo per contrastare la nuova ondata di contagi estivi da Covid 19. I casi di positività, infatti, continuano ad aumentare e siamo tornati a 100 morti al giorno. Quel che si teme veramente è di arrivare a quota 200 mila morti dall’inizio della pandemia.

La quarta dose per chi ha più di 60 anni è una misura che, ovviamente, condividiamo. Tuttavia, la vera questione, a questo punto, ruota attorno alla nuova variante, che non viene del tutto combattuta dai vaccini attuali, se non risvegliando per qualche tempo le risposte immunitarie. Questa volta non è detto che le misure che il governo sta per varare possano bastare in mancanza di vaccini più specifici, soprattutto per coloro che hanno meno di 60 anni e si ritroveranno positivi. Ci sarebbe anche un rischio immediato per il prevedibile esodo di agosto, in cui gli spostamenti di massa creeranno assembramenti e nuovi contagi nelle località di vacanza. Non vorremmo ritrovarci a Ferragosto con nuovi problemi nelle discoteche e situazioni impreviste nelle varie località prive di strutture, oltre al classico Pronto soccorso locale. Si consiglia, pertanto, di evitare luoghi affollati.

Siamo di fronte a una variante velocissima e, al contempo, più severa della Omicron, anche se priva delle caratteristiche di letalità che aveva la Delta. Quindi, per chi ha meno di 60 anni, fare o non fare la quarta dose è quasi indifferente: se si viene contagiati cambia poco. Inoltre, c’è il rischio di disavventure e vacanze rovinate dal Covid, con relativi danni economici per il settore alberghiero e per quello dedicato alla balneazione. L’impressione è un po’ quella di un’estate che rischia di rivelarsi una trappola, con un virus mutato e vaccini poco efficaci, poiché prodotti per contrastare versioni ormai superate di coronavirus.

Insomma, sul fronte della lotta pandemica, il dubbio attuale è quello di ritrovarci, ancora una volta, in mezzo al guado, con un virus velocissimo e in attesa di un vaccino rigenerato, in grado di bloccare l’entrata nelle cellule di queste nuove varianti. Il vero errore, a dirla tutta, è stato già commesso nei mesi primaverili, quando si è deciso di eliminare quasi totalmente tutte le protezioni. In particolare, l’uso delle mascherine al chiuso, che sarebbe stato meglio mantenere per profilassi, soprattutto nei viaggi a lunga percorrenza (treni, aerei e navi).

L’errore dei mesi scorsi è stato principalmente questo. Anche se si è trattato di una leggerezza comprensibile, dato che ne avevamo tutti fin sopra i capelli. Le mascherine nei luoghi chiusi andavano mantenute, anche per i locali dotati di aria condizionata. Purtroppo, questo abbassamento della guardia è stato teorizzato pubblicamente sui giornali e nelle tv: è stato un grave errore di superficialità. Stavolta, dovremmo essere noi vaccinati a prendercela con i virologi, dato che non si sono dimostrati dotati di cautela nell’esprimere i loro pareri, alquanto variabili: oggi sul pero, domani sul melo.

Tutto all’italiana, come al solito: che cavolo di gusto si prova a comportarsi così non è dato sapere. E cosa accada nella testa di alcuni virologi quando arriva l’estate è un mistero ancor più inestricabile della pandemia stessa.

 

(9 luglio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE