Pubblicità
17.5 C
Roma
16 C
Milano
martedì, Aprile 16, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaL'umanissima professoressa che aizza gli alunni contro "lo scimpanzé" che va "isolato"

L’umanissima professoressa che aizza gli alunni contro “lo scimpanzé” che va “isolato”

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione, #Milano

Ciò che fa veramente schifo in questa storia è che la “Prof Bulla” non abbia nemmeno avuto il coraggio di pronunciare l’orribile frase “Bisogna isolare lo scimpanzé” quando l’alunno di origini nordafricane cui era diretto era presente; lei, che è tutta un coraggio oltre che un razzismo, ha atteso che fosse assente per poi rivolgersi, col cuore di una matrigna, ai suoi alunni: “Bisogna isolare quello scimpanzé, non dovete parlare con lui”. Il razzista applaude.

Ciò che fa veramente schifo in questa storia che vede protagonista la “Prof Bulla” è che nessuno l’abbia ancora isolata dall’insegnamento, a vita, senza ritorno e senza stipendio – del resto la Signora ha un futuro tra i sovranisti illiberali che popolano le aule parlamentari.

Ciò che fa veramente schifo in questa storia è che sia venuta fuori dopo mesi, che la “Prof Bulla” che istiga al bullismo e al razzismo sia stata sputtanata proprio dai suoi alunni che hanno riferito al compagno assente ciò che la donna, chiamarla insegnante è troppo, aveva riferito in aula. Il padre del ragazzino è una persona molto nota a Spoleto, dove sono avvenuti i fatti, in quel crogiuolo di odii e razzismi nel quale si è trasformata la provincia di Perugia gravida di salvinismi, melonismi e casapoundismi che governano insieme – dopo regolari elezioni, mica han fatto colpi di stato, qualcuno li avrà votati pensando di far bene – ed ha aspettato “tutto l’anno scolastico che succedesse qualcosa, a fronte del fatto che un ragazzino non andava più a scuola. Ho aspettato che l’istituto prendesse provvedimenti nei confronti di una professoressa e insegnante di sostegno. Ma non è successo niente” ha spiegato a Repubblica. Lui, il padre, aveva già sporto querela ai Carabinieri.

Ciò che fa schifo in tutta questa storia è che pare proprio nessuno abbia fatto niente. I fatti risalgono ad ottobre, e fino ad oggi – complici la DAD, la pandemia, la vigliaccheria umana e i chissenefrega di uno “scimpanzé” – nessuno ha fatto niente. Per lo psicologo è stato fatto un grosso danno, il ragazzino non voleva più andare a scuola,  mentre l’insegnante e il preside sono ancora lì, in un luogo di educazione che invece di educare spinge a bullizzare attraverso le parole di una “Prof Bulla”.

Tocca essere più realisti del Re e se la terra è impregnata di odioso razzismo, tocca essere ancor più razzisti dei razzisti non si sa mai che l’aria non cambi davvero, così ad essere tra i premiati? Una storia di poveracci senza futuro che vivono solo d’odio. Una storia tristissima. Certo è che solo in Italia una storia così può passare sotto silenzio.

 

(13 giugno 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 




Pubblicità

LEGGI ANCHE