13.3 C
Roma
lunedì, Aprile 12, 2021
HomeCopertinaDissonanze cognitive e correlazioni spurie #Giustappunto di Vittorio Lussana

Dissonanze cognitive e correlazioni spurie #Giustappunto di Vittorio Lussana

Pubblicità

di Vittorio Lussana #Giustappunto

La guerra sulla cosiddetta ‘neolingua’ sta proseguendo in forme ancor più sottili e insidiose. Sul versante della cosiddetta ‘dittatura sanitaria’, infatti, le strategie si vanno affinando, pur continuando ad assumere i consueti schematismi dicotomici: bene/male; amici/nemici; buoni/cattivi; pensiero unico/spiegazione scientifica. In particolare, ‘No vax’ e ‘negazionisti’, che già al termine della pandemia vedranno smentite le proprie accuse di ‘dittatura sanitaria’ e che, molto probabilmente, ‘spacceranno’ il ritorno alla normalità come una loro vittoria, in realtà lasceranno sul terreno due anni di bugie, ‘fake news’ e rimozioni allucinatorie, che dovrebbero servire a segnalare in negativo tali soggetti presso l’opinione pubblica, generando un vero e proprio ‘stigma’.

Nella fase attuale, cospirazionisti e ‘No vax’ hanno ripreso a rielaborare i loro tentativi di discredito nei confronti di fantomatici nemici, con la consueta lettura superficiale di dati e documenti. Dopo ‘figuracce’ continue, essi si sono accorti di essere finiti in una condizione di palese ‘off side’, poiché ‘smerdati’ da importanti studi di linguistica e di comunicazione. Come nel caso delle narrazioni contaminate da interessi ‘altri’, quali le ‘marchette pubblicitarie’ provenienti dal marketing, oppure dalla vera e propria propaganda politica, mascherata da bollettini di informazione alternativa, basata su coordinate che, in realtà, discendono direttamente dalla contestazione del ’68: ripetitività del messaggio (che nel vero giornalismo divulgativo sarebbe deontologicamente scorretta, ndr); autoreferenzialità (idem con patate: il vero giornalista dà spazio agli altri, non porta avanti se stesso, ndr), assunzione di fonti marginali, depistaggio comunicativo, faziosità di parte. Eppure, a sentir loro, ci vorrebbe una seconda Norimberga per i giornalisti del ‘mainstream’, cioè quelli della ‘corrente dominante’, per la loro informazione poco obiettiva: siamo al bue che dà del cornuto all’asino.

In ogni caso, presi in contropiede da argomentazioni provenienti da ambienti scientifici e professionali molto precisi, come per esempio la ‘dissonanza cognitiva’ e le ‘correlazioni spurie’, ovvero da una serie di informazioni rimescolate tra loro come dentro a un frullatore – Matteo Salvini è un fedele seguace di tali forme di manipolazione – essi hanno ripreso, imperterriti e senza vergogna alcuna, a ribaltare anche tali concetti.

Prendiamo, per esempio, il caso dei due report del Servizio sanitario britannico, relativi agli eventi avversi segnalati subito dopo la somministrazione dei vaccini di Pfizer e AstraZeneca. Sul fronte negazionista, ancora una volta ci ritroviamo di fronte ai soliti errori di superficialità nel trattare dati e informazioni. E una serie di reazioni avverse vengono ‘rivestite’ con un’immagine negativa, quando in realtà si tratta di casi non correlati con l’assunzione dei vaccini (altro esempio di correlazione spuria, ndr).

Alcuni effetti collaterali, infatti, in inglese assumono definizioni obiettivamente inquietanti, come ‘acute cardiac event’; oppure, ‘atrial fibrillation’. Frasi tipicamente idiomatiche del gergo medico anglosassone, che nella traduzione letterale tendono a generare nuove strumentalizzazioni opportunistiche. Distorsioni le quali ci riportano a uno dei metodi principali che complottisti e ‘No vax’ insistono a utilizzare senza orrore verso se stessi, come quello della ‘dissonanza cognitiva’: da una parte, si continua a sostenere che i vaccini siano uno strumento per controllare le masse; dall’altra, ci si è resi conto che Stati Uniti, Gran Bretagna e Israele stanno uscendo dalla crisi pandemica proprio perché hanno somministrato i vaccini anti-Covid su larga parte delle rispettive popolazioni, liberando le terapie intensive e abbattendo la curva dei decessi. Tale dissonanza viene, perciò, compensata sostenendo ancora oggi, dopo più di centomila morti, che il Covid 19 sia semplicemente una sindrome influenzale e che i vaccini siano dannosi, ma che la gente non vada a leggersi i report degli enti sanitari e non si accorga della “grande menzogna” (depistaggio comunicativo: non siamo noi ad aver preso una ‘cantonata’, bensì lettori e cittadini a essere dei ‘pecoroni’, ndr).

Ma andiamo per ordine e proviamo anche noi a leggere cosa dicono veramente i due report inglesi sui vaccini della Pfizer e di Astrazeneca. In effetti, si tratta di una doppia raccolta di dati i quali riportano una serie di eventi avversi, alcuni anche gravi. Ovviamente, dopo una prima lettura superficiale, i numeri sembrano confortare i ‘No vax’ nelle loro posizioni preconcette. Ma si tratta, ancora una volta, di una ‘polarizzazione’ che ‘traveste’ i dati stessi in risultati assoluti, mentre invece sarebbe più corretto distinguerli. Disaggregandoli, infatti, ci si rende immediatamente conto che i casi gravi di reazioni avverse realmente verificatisi sono pochissimi e i decessi addirittura minimi (correlazione spuria: si mette tutto assieme, anche cose molto diverse tra loro, ndr).

Approfondendo ulteriormente l’analisi, senza cioè fermarsi ai numeri, bensì ‘spaccandosi la testa’ pagina dopo pagina, ci si accorge ben presto che le ricerche britanniche giungono a tre tipi di conclusioni, totalmente opposte rispetto a quelle decantate come un ‘mantra’ da negazionisti e ‘No vax’: 1) gli eventi avversi non risultano significativi rispetto alle milioni di dosi somministrate e non segnalano alcun decorso grave; 2) la correlazione temporale tra la somministrazione del vaccino e l’evento avverso, lieve o grave che sia, non implica necessariamente un collegamento causale, ovvero un rapporto di causa-effetto con l’assunzione del farmaco; 3) una percentuale significativa degli eventi avversi riguarda soggetti anziani con patologie pregresse.

In base a tali conclusioni emerge il solito metodo delle ‘correlazioni spurie’ da parte dei ‘No vax’: fino a prova contraria, in base ai risultati riportati a seguito delle fasi più avanzate di sperimentazione e dai riscontri accertati e previsti nei rispettivi ‘bugiardini’ dei due farmaci, si segnala che: a) gli effetti indesiderati sono piuttosto rari; b) in quelli gravi, nessuno ha accertato con certezza se essi siano conseguenza diretta delle vaccinazioni (dato relativo ‘spacciato’ come assoluto, ndr); c) i decessi avvenuti rientrano nei casi di morte naturale o per patologie pregresse; d) gli effetti a lungo termine non esistono proprio.

In sostanza, secondo i due report della Sanità britannica, un’alta percentuale delle persone vaccinate fino a oggi in Inghilterra e Galles erano molto anziane. E la maggior parte di queste segnalavano fragilità o patologie preesistenti. Pertanto, sono state l’età avanzata e le malattie croniche le cause più probabili degli eventi avversi. In secondo luogo, le segnalazioni di questi presunti danni dei vaccini anti-Covid non sono sufficienti nemmeno a suggerire che esse siano collegate con le dosi assunte. E il dato delle persone che hanno sofferto alcuni effetti collaterali fossero in larga parte anziane, o affette da patologie croniche in fase avanzata, risulta più significativo nello spiegare gli eventi avversi. Ed è questo il vero ‘peso specifico’ del ‘dato relativo’, che ovviamente non lo rende assoluto, bensì più probabile.

Per quanto riguarda, infine, i ‘bugiardini’, essi elencano effetti indesiderati ‘non accertati’, al fine di prevenire cause legali in seguito ad alcune sentenze palesemente errate del passato, per le quali anche specialisti e scienziati molto illustri sono risultati danneggiati nonostante la comunità scientifica, nella sua interezza, abbia criticato e, in molti casi, addirittura smentito i dispositivi e le conclusioni raggiunte da giudici e magistrati. A riprova del fatto che indagare su questioni che appartengono al terreno del giornalismo ‘settoriale’ o scientificamente specializzato non può esser fatto con gli strumenti dell’informazione ‘generalista’, la quale invece tende a ‘sparare’ colpi in tutte le direzioni, fino a quando non coglie almeno uno degli obiettivi prefissati a monte e per mero pregiudizio. Avrai anche fornito un ‘brandello’ di verità, caro ‘negazionista’, ma per trovarlo hai fatto un ‘casino del diavolo’, sparando anche sull’autoambulanza della Croce Rossa.

Il vero giornalista, invece, è un professionista assai più simile a un cecchino che spara un solo colpo ben mirato, spesso col silenziatore. Inoltre, il vero giornalista non ha alcun bisogno di ‘sbandierare’ i propri ‘scoop’, poiché egli è soprattutto un cronista: provoca le rivoluzioni, non le esalta a cosa fatte. E quando la ‘bomba’ arriva veramente, si accontenta che l’opinione pubblica abbia scoperto la verità, perché è questo il metodo deontologicamente migliore per avvicinarsi il più possibile a essa. E per quanto riguarda il sottoscritto, locuzioni come ‘combinato disposto’, ‘demagogia populista’ e ‘sonnambulismo’ del Movimento 5 stelle possono anche bastare a dimostrare chi, in questi anni, ha esercitato veramente – e onestamente – la propria professione. Un mestiere che non intendo abbandonare per nessun motivo al mondo, neanche in cambio di una corona da imperatore.

E pensare che Leo Longanesi, colui che scrisse, una volta, che fare il giornalista era “sempre meglio che lavorare”, fosse sostanzialmente ‘uno dei vostri’, facce di merda che non siete altro…

 

(26 marzo 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 




Pubblicità
Pubblicità

SEGUITECI

4,403FansMi piace
2,388FollowerSegui
114IscrittiIscriviti

DA LEGGERE

Pubblicità

POTREBBERO INTERESSARTI

POTREBBERO INTERESSARTI

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi