29.5 C
Roma
27.5 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
poche nuvole
23.1 ° C
23.7 °
20.7 °
56 %
2.1kmh
20 %
Lun
22 °
Mar
21 °
Mer
24 °
Gio
23 °
Ven
23 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeAfrica, North Africa & Middle EastPalude libica: gli aiuti militari di Tripoli potrebbero distruggere Erdogan

Palude libica: gli aiuti militari di Tripoli potrebbero distruggere Erdogan

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Abbas Juma, esperto di Medio Oriente #Libia twitter@gaiaitaliacom #MedioOriente

 

Per più di sei mesi, gli eventi in Libia sono stati attentamente seguiti da tutti i principali media, politici ed esperti del mondo. Un altro conflitto rischia di trasformarsi in una nuova rissa internazionale, simile a ciò che sta accadendo in Siria da anni. Inoltre, con il supporto geopolitico di Ankara, militanti filo-turchi delle province siriane sono già apparsi sulla sena della guerra libico.

Ancora una volta, gli interessi delle principali potenze mondiali e regionali si sono scontrati: Russia, Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Qatar. È vero, a differenza della Siria, in Libia non esiste un’unica autorità. E questo complica seriamente la situazione.

 

Alcune informazioni su ciò che succede nel Paese

Nel luglio 2012, il Congresso nazionale generale (CNG) si è formato in Libia, dove i Fratelli Musulmani hanno svolto un ruolo chiave (l’organizzazione è vietata nella Federazione Russa, nda). Ma nel 2014, la Camera dei rappresentanti della Libia ha sostituito il CNG (popolarmente chiamato “governo orientale”). I suoi membri siedono nella città di Tobruk e sono protetti dall’esercito nazionale (ENL), guidato dal maresciallo di campo Khalifa Haftar, uno dei principali oppositori dei Fratelli musulmani nella regione e un combattente contro il terrorismo, e dal 3 marzo 2015 il comandante supremo delle forze armate di Libia. All’inizio d’aprile dell’anno scorso, il feldmaresciallo ha lanciato un attacco alla capitale di Tripoli, che continua fino ad oggi con il successo variabile.

 

A proposito di Tripoli

Esiste un’altra autorità: il Governo dell’Accordo Nazionale (GAN), guidato dal primo ministro Fayez Saraj. Nonostante il fatto che il “governo orientale” controlli la maggior parte del paese, il GAN gode del sostegno del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, dell’Occidente e dei turchi. Questi ultimi sono particolarmente importanti, poiché recentemente Ankara ha preso una decisione formale per intervenire nelle ostilità e aiutare a Tripoli a respingere l’attacco di Khalifa Haftar. Le autorità turche non erano rimaste inattive prima: hanno inviato mercenari in Libia, hanno fornito armi e attrezzature militari ai militari locali. Ma ora, le truppe turche e le bande sostenute da loro dalla Siria vengono inviate per aiutare a Sarajah.

Pertanto, il capo del GAN non solo ha firmato un accordo con uno stato alleato, ma ha concluso un accordo con un certo numero di gruppi terroristici, de jure bandito sia in Libia che in Turchia.

 

Erdogan nella trappola libica

Anche i sostenitori d’ Erdogan hanno iniziato a rendersi conto che il presidente turco e il suo Partito per la giustizia e lo sviluppo (PGS) hanno portato il paese in un vicolo cieco. I suoi successi politici interni (riforma costituzionale ed elezione del presidente) sono dovuti esclusivamente alla retorica militaristica e alla tattica delle piccole guerre vittoriose nella vicina Siria. Tuttavia, dopo diversi anni, è diventato evidente che l’intervento militare della Turchia nel conflitto siriano non ha prodotto risultati. Inoltre, flirtare con Ankara con i terroristi ha complicato seriamente la situazione della sicurezza sia in Siria che all’interno della stessa Turchia.

La crisi migratoria provocata dalle azioni delle autorità turche è diventata il problema principale del paese negli ultimi anni.

Il risultato logico di una tale politica miope fu la sconfitta del partito al potere nelle elezioni locali. Il PGS ha perso in tutte le principali città del paese. Ma il più doloroso è stato il risultato delle elezioni all’ Istanbul, dove Ekrem Imamoglu, candidato del Partito repubblicano popolare dell’opposizione, è stato eletto come il sindaco.

L’economia del paese è in crisi profonda da un anno. Le autorità hanno creato un’atmosfera di paura senza precedenti. E questo non poteva influire sulla politica esterna della Turchia.

Spinto da ambizioni personali, Erdogan ha litigato con quasi tutti i partner: Washington, Tel Aviv, Berlino, Mosca (soprattutto dopo l’abbattimento del Su-24). Nonostante infinite visite all’estero (il leader turco ha visitato la Russia da solo 5 volte durante l’anno), nonché progetti congiunti (l’acquisto di S-400, centrale nucleare di Akkuyu e il gasdotto Turkish Stream), Ankara rimane un negoziatore molto difficile. E in Siria è un avversario e una minaccia alla sicurezza. Quindi, dal territorio d’ Idlib attaccano regolarmente la base russa a Latakia. Non è un segreto che in questa provincia siriana ci siano posti d’ osservazione turchi e militanti controllati turchi, con i quali Ankara non solo non combatte (anche se è obbligato), ma rafforza e sorveglia in ogni modo. Fu sotto il protettorato turco a Idlib che i militanti filo-sauditi furono liquidati e al loro posto fiorì il gruppo Khayyat Tahrir al-Sham (l’ex Nusra – alias Al Qaeda in Siria).

Secondo gli esperti, se Erdogan continua ad agire con le stesse modalità, potrebbe perdere le elezioni presidenziali nel 2023. Nonostante il fatto che nel 2018 abbia vinto, anche se con un margine molto più risicato rispetto alle precedenti elezioni: circa il 53% dei voti.

E in questo senso, l’avventura libica del leader turco non aggiunge ottimismo. Lasciando la Siria in uno stato di caos terroristico, rivolse la sua attenzione a uno stato molto più trascurato. La Libia potrebbe diventare per Ankara la stessa di Crimea per Mosca in termini di reazione internazionale. L’unica differenza è che la Crimea è tornata in Russia senza un solo colpo e su iniziativa dei Crimei. Ma Tripoli trascinerà la Turchia in una guerra su vasta scala con vittime tra le truppe turche. Inoltre, a Tripoli esiste un governo illegittimo che non ha il diritto di concludere accordi internazionali.

Alla vigilia delle elezioni presidenziali, questa diventerà una carta vincente nella manica dei rivali politici interni di Erdogan. La Libia sarà utilizzata attivamente per screditare l’attuale leadership della Turchia. E sarà molto più efficace che nel caso della Siria, la presenza in cui Ankara giustifica la lotta contro i combattenti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan.

 

Perché il GAN non rappresenta gli interesi della Libia

Sulla base di quanto detto, il parlamento libico nella parte orientale del paese ha votato per interrompere completamente le relazioni con la Turchia (l’ambasciata turca chiude, tutti i punti di confine si sovrappongono). E Fayez Saraj, il ministro degli interni Fathi Ali Bashagu e il ministro degli Esteri Mohammed Taher Siyal sono stati accusati di tradimento.

Inoltre, i parlamentari libici hanno invitato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Lega degli Stati arabi e l’Unione europea a ritirare il riconoscimento del governo a Tripoli.

Hanno una serie di buone ragioni.

In primo luogo, il Governo dell’ Accordo Nazionale è stato creato all’inizio del 2016 conformemente al cosiddetto “accordo di Shirat”. Il documento è stato firmato da tutte le parti in conflitto il 17 dicembre 2015, in Marocco. Secondo l’accordo, il GAN è stato creato come organizzazione temporanea che esisteva prima delle elezioni nel paese e dell’adozione della costituzione. Tuttavia, le elezioni non hanno avuto luogo. E non c’è ancora costituzione. Allo stesso tempo, il mandato del GAN è di un anno prima dell’adozione della costituzione. E poi un altro anno se la costituzione non viene adottata. Pertanto, dall’inizio del 2018, il GAN ha perso la sua legittimità e Faiz Saraj non ha più il diritto di parlare a nome del popolo libico.

In secondo luogo, secondo gli “Accordi di Shirat”, il potere legislativo appartiene alla Camera dei rappresentanti e, senza il suo consenso, il GAN non può concludere alcun trattato internazionale. Tuttavia, il GAN agisce in modo indipendente e non concorda su nulla, che in generale può essere chiamato tradimento. Inoltre, il Governo dell’Accordo Nazionale non ha nominato un candidato unico per incarichi chiave come il presidente della Banca centrale della Libia, il presidente del Fondo di investimento libico e il presidente della National Oil Corporation.

 

Il più importante

Secondo gli accordi di Shirat, le autorità libiche sono tenute a combattere i terroristi. Il GAN non sta solo lottando con loro, ma sta anche cooperando attivamente. I militanti occupano posti di rilievo e sono inclusi in strutture di potere come il Ministero degli affari interni. Il Governo dell’ Accordo Nazionale lavora ufficialmente con le persone negli elenchi delle sanzioni delle Nazioni Unite. Stiamo parlando di terroristi che hanno commesso attacchi terroristici in Libia insieme a organizzazioni terroristiche internazionali.

Uno di questi personaggi è Mohammed Salim Bahrun, un alto tenente del ministero degli Affari interni libico che è stato trovato in contatto con lo Stato Islamico. Su di lui è diventato noto dopo l’incidente con l’aereo abbattuto LNA. Il pilota sopravvisse e fu portato nel dipartimento del Ministero degli Interni a Bahrun, che, insieme ai suoi amici, iniziò immediatamente a deridere il prigioniero, rimuovendo tutta l’umiliazione dalla telecamera.

Su Internet, hanno immediatamente riconosciuto il “poliziotto”. Sono state persino pubblicate le foto del mandato di arresto di Bahrun emesse dal procuratore di Sabrat.

Ma l’organizzazione paramilitare più famosa che fa parte del GAN è il gruppo RADA. Controllano i carceri privati in cui vengono chiuse le persone rapite. Compresi gli stranieri. È noto che lì vengono condotte torture regolari, i prigionieri vengono fatti morire di fame, uccisi e venduti come schiavi.

Gli stessi banditi controllano l’attività di trasporto di migranti illegali dall’Africa all’Europa.

Faiz Sraj lo sa. Tutta la Libia lo sa. Non si tratta delle informazioni classificate, ma di materiali da fonti aperte. Tuttavia, il GAN non è in grado di controllare la situazione. Che dimostra ancora una volta la sua illegittimità.

 

 

(8 gennaio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 




Roma
cielo sereno
29.5 ° C
33 °
25.8 °
41 %
5.1kmh
0 %
Lun
30 °
Mar
32 °
Mer
34 °
Gio
37 °
Ven
39 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE