Home / Notizie / Venezia, l’acqua alta provoca due vittime

Venezia, l’acqua alta provoca due vittime

di Redazione #Venezia twitter@gaiaitaliacom #Cronaca

 

Due le vittime fino ad ora per l’acqua alta a Venezia e i commentatori da social, anche quelli con incarichi pubblici, parlano di aria fritta. Non si può ignorare l’acqua alta quando il fenomeno non avviene come se fosse scomparso.

Due i morti a Pellestrina. Una delle due vittime, un anziano, è rimasta fulminata in casa a causa di un cortocircuito.

E poi venti a 100kmh, tre vaporetti affondati, la cripta di San marco finita sotto 1 metro e 10 di acqua e poi numeri agghiaccianti, li prendiamo in prestito da Il Gazzettino, che ringraziamo.

Dai 148 centimetri delle ore 22 con l’82% della città allagata, si è temuto per le 23.30 di questa sera, martedì 12 novembre, con una previsione di punta massima di marea di 190.  Alle ore 22.52 si sono toccati i 187 cm, ma il record si è raggiunto in realtà alle 23 con 187 centimetri.
Si tratta della seconda acqua alta più elevata dal 1923, dopo i 194 cm della storica alluvione del 1966.
Alle 23.15 la marea ha cominciato a scendere a 181 centimetri. Alle 23.20 era a 169. 

Questa è la forza che la natura, seguendo il suo corso, oppone alla stupidità di chi crede che di fronte ad un disastro naturale, provocato da forze della natura, basti chiacchierare a vanvera, dare la colpa al MOSE, o fare dichiarazioni ai media.

 

 

(13 novembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 




Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi