Home / Copertina / La Letterina a Babbo Natale de La Lurida

La Letterina a Babbo Natale de La Lurida

di La Lurida #Natale2017 twitter@lalurida

 

 

Dunqve ecco che son ‘rivata anche nel duemila e diczias’sette, che è gzià un risultato per chè non so micca se al 2018 czi a ‘rivo, e anche qvest’anno ho mandato a la gaiaitagliapuntocom la mia leterina per Babbo Natale che qvest’anno cze la scrivo per punti uno dopo qvel’altro così mi facczio una lista e non mi scordo gnente.

Dato che non sono micca sicura che czi a’rivo al 2018 per chè son vecchia e stò in piedi (sì, signora preczisina di Moodena, lo scrivo con l’aczento per chè io son un po’ come la vostra lega de le cop, facczio qvel che mi pare!) per mirācolo – con la lineetta sul “A” la stessa si pronunczia più lunga – fate conto che questo robo che sto scrivendo adesso e che tra un po’ legzerete sia il mio testamento spiritvale (mentre scrivo uno a la tivù che parla di czibo dice testualmente “il pisello mi si è perso un po’ nel piatto” che vuol dire tutto mo’ anche gnente!) che non può micca essere peggzio di qvello di Berlusconi, per chè io almeno uno spirito cze l’ò.

In lista continvativa e senza por tempo inmezzo (si scrive tutto ‘tacato “inmezzo” Dotor Galli?) ecco la lista. Chiedo a Babbo Natale:

 

  1. che la Bibblio di Bo cz’abbia un suczeso de l’ostia che so che il Kapo col suo moroso cz’è andato e che al Dotor Galli cz’ha anche detto che non sto micca tanto bene e lui è stato carino che czi dò un baczio;
  2. che la Bibblio di Bo… ah no scusate l’ho gzià scritto;
  3. che qvesto paese diventi finalmente un paese deczente e se per caos e o per caso Babbo Natale quel potere lì cze l’hai, come diczeva il tuo amico e sodale Don Camillo, dì al tuo amico del piano di sopra di posare la sua santa mano sopra le loro inutili teste, così che magari la piantino di fare i semi e confondere la realtà con feisbuq e di pensare che feisbuq sia il mondo reale e il mondo reale un incubo, che magari cz’avran anche ragione mo’ stare in un soczial non serve a gnente, se non a Zuccaberg;
  4. Provare, se czi riese e non li han brucziati tutti, a trovar dei libbri da regalare a la gzente dove si spieghi bene che far la pacze è una roba seria e non cz’ha gnente a che vedere con tirare dei cancheri a chi non czi piacze, abarcziare chi amiano, e tirare delle saracche contro tutti i santi per chè il mondo non va come czi tira il culo a nojaltri…
  5. Provare, se czi riesce e non lo bruczian vivo, a spiegare che la gzente andrebbe anche rispetata, senza tirar furoi la solfa di mia nonna che è morta a czent’anni nel deumila che diczeva che se vuoi che ti rispettino bisogna che rispetti gli altri che poi si sbragan le gōnadi (per la “O” con la lineetta vale il discorso della “A” di prima)…
  6. che la Bibblio di Bo… ah no scusate è l’alzaimer;
  7. dirzci a qvella lì di Modena che mi leggze solo per scrivermi sul tuitter che son disecutavia per chè disimparo l’itagliano a la gzente che ne la mia vita ho fatto le marchette per chè non cz’ho avuto selta, che è per fare le profesoresse che bisogna far le troje… Le troje poson far le troje e basta. Con tutto il rispetto per la soczietà oribile che anche qvelle come la tipa di Modena an contribuito a costruire…
  8. vorei un sacco di soldi… mi piaczerebbe poterlo scrivere, ma qvelli son l’unica cosa che non mi manca per chè non cz’avevo dote, non cz’avevo gnente mo’ cz’avevo una cosa che valeva per czento (anche due o treczento de le volte, cinqueczento quando cz’avevo proppio del culo); 
  9. portaczi un manuale a qvelli de le asocziazzioni ghèi che czi spiega che non cz’ànno micca lesclusiva delle soff’erenze (per chè io li apostrofi li metto dove mi pare, son un po’ come Luigzi Di Maio coi conczetti)… gzià che sono in tema portaczi anche una vita a quelli dei czinque stelle che son convinti di averczene una… gzià che czi sei portaczela vera. Che cze n’àn buisogno, pore bbéstie…
  10. E vissero feliczi e contenti, che non vuol dir gnente mo’ czi stava bene…

 

Ecco. Cze l’ho fatta anche qvest’anno e vi augurio proppio un Buon Natale, un Felicze Ano Nuovo e un bella Epifania che tutte le sfighe si porti via. Se poi mi porta via anche mè è lo stesso che czi vediam poi la prossima vita. Poi czi sentiam poi ne l’anno novo che Paolo Fox ha detto che i primi sei mesi saranno horibilis, per chè io son de l’ariete…





(17 dicembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi