20.6 C
Roma
19.2 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
poche nuvole
15.7 ° C
17.5 °
14.1 °
83 %
0.7kmh
16 %
Sab
15 °
Dom
20 °
Lun
20 °
Mar
23 °
Mer
26 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaIl quotidiano di Travaglio si accorge che "gay" viene usato come offesa....

Il quotidiano di Travaglio si accorge che “gay” viene usato come offesa. Che svelti…

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Paolo M. Minciotti, twitter@gaiaitaliacom

 

 

Dunque il giornalissimo del giornalista più bravo del mondo si è accorto che la parola “gay” viene spesso usata come offesa, soprattutto in classe e soprattutto a scuola (poi ci sono molti altri “soprattutto”, ma ne parleremo dopo). Non se n’è accorto da solo il giornalissimo del giornalista più bravo del mondo; lo ha scoperto scrivendo – quella cosa lì, si chiama offesa omofoba e si chiamava così anche prima che ne parlasse il giornalissimo di Travaglio – di una ricerca “su 1.117 studenti italiani tra i 13 e i 20 anni che hanno risposto al questionario online del Centro Risorse Lgbti con l’Associazione “Progetto Alice”, parte di uno studio europeo in partnership con la Columbia University di New York e l’organizzazione statunitense Gay, Lesbian & Straight Education Network” presentata dalla rete Re.a.dy a Torino nei giorni scorsi. Se non ne avesse parlato Torino non se ne sarebbe nemmeno accorto, il giornalissimo di Travaglio, di quella roba lì.

L’inchiesta regala una certa inquietudine per Il Fatto, che scrive questo:

“Quanto spesso senti la parola ‘gay’ usata in modo dispregiativo?” nel corso dell’ultimo anno di studi, il 22,5% risponde frequentemente e il 36,6% dice spesso, il 26,3 afferma di averla sentita qualche volta e meno del 15% risponde raramente o mai. Il 58,8% afferma di aver sentito altri commenti omofobi a scuola, il 24,8% ne ha sentiti soltanto qualche volta. La percentuale di chi ha sentito poche volte o mai frasi discriminatorie e insulti è sotto il 19%”

Protagonisti di questa ondata omofoba scolastica che devasta le menti degli omosessuali da almeno quarant’anni addirittura i professori e gli alunni, perché dalle parti dei 5Stelle e di Travaglio si scopre sempre l’acqua calda, solo che loro la scoprono meglio. Ora – la ricerca è serissima ed il problema lo è altrettanto, poi in questo paese le soluzioni non arrivano mai sennò i Travaglio come farebbero a far carriera dicendo che le soluzioni non arrivano mai? – abbiamo però un consiglio per il giornalista più bravo del mondo che dirige il giornalissimo: spiegare, magari scomodando associazioni italiane insieme a omosessuali e lesbiche e trans anche over 45 e intervistando chi gli paia più opportuno, perché le offese più feroci verso lesbiche, gay e trans vengano proprio da lesbiche, gay e trans.

Non sembra così interessante per il popolino medio lettore del giornalissimo, ma è un argomentino favoloso. E anche un po’ scomodo. Di quelli che al giornalista più bravo del mondo dovrebbero piacere un sacco.




(23 ottobre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Roma
cielo sereno
20.6 ° C
21.4 °
19.9 °
53 %
1.5kmh
0 %
Sab
21 °
Dom
28 °
Lun
31 °
Mar
34 °
Mer
35 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE