17.1 C
Roma
18.6 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
HomeNotizieCome se fosse una cosa seria"Ti facciamo abortire negra di m...", l'allegra giovane coppia formata da lei...

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’allegra giovane coppia formata da lei e lui esempio di odio razzista

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giancarlo Grassi, twitter@gaiaitaliacom

 

 

Eccoli là sull’autobus a Rimini, in tempo di vacanze, lei 19enne, lui 22enne. Una mano si infila abile e silenziosa in una borsa e ne estrae un cellulare. La proprietaria, una donna africana che aspetta un bambino, se ne accorge e chiede che il cellulare le venga restituito. Ne nasce un diverbio che alla fermata successiva diventa aggressione: la donna africana viene spintonata fuori dall’autobus. E’ l’africana l’oggetto dell’odio razzista di lei e lui coppia bianca con tutti i diritti: partono calci e pugni, calci diretti all’addome rigonfio della donna. Che è incinta. Lei si protegge il ventre con le braccia per difendere il suo bambino: “Ti facciamo abortire negra di m…” dicono i due esempi di perfetto italiano moderno, incolto, razzista e fascista.

Tutto quello che segue è prassi, con una novità. Gli insulti razzisti e le offese alla donna, minacce incluse, proseguono anche di fronte alla Polizia che li arresta. I due rappresentanti della gentaglia che non ha più rispetto per niente, per nulla, per loro stessi, per gli altri, per la convivenza civile. “Negra di m… ti faccio abortire”, “Tornatevene a casa negri di m….”. Credo che emigrerò. Con il mio compagno. Che è un negro. Guarda un po’.

Racconto l’episodio mentre scrivo questo articolo, a qualcuno che mi è vicino. Mi risponde: “Ero certa che sarebbe successo. Sono troppi…”, si accorge che è meglio non finire la frase. E’ una mia famigliare. E mi fermo qui.

Eccolo il mondo che ci siamo costruiti.





(17 agosto 2017)

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE