Pubblicità
11.5 C
Roma
9.8 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCoherentia et honestateLuigi Di Maio indagato per diffamazione. Blasfemi!

Luigi Di Maio indagato per diffamazione. Blasfemi!

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram
foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI

di Daniele Santi

 

 

 

E così hanno avuto l’ardire. La vicenda è nota e riguarda la candidata “trombata” a Genova dopo le “grillarie” dei 23 voti – o erano 17? – che l’avevano incoronata reginetta a 5Stelle del capoluogo ligure. Dopo avere visto il risultato della “grillarie on-line” i favolosi dirigenti del M5S avevano avuto una specie di subitaneo ictus decidendo, più o meno in quattro e quattr’otto, che se proprio dovevano andare a casa tanto vale c’andassero con qualcun altro. Non c’erano andati giù leggeri con la reginetta a 5Stelle Cassimatis: in chiusura di campagna elettorale Luigi Di Maio, proprio lui, l’ometto politichino la cui sobria e correttissima dialettica stupisce ogni giorno gli Italiani, si era espresso come solo chi ha profondo rispetto per gli altri sa fare.

Era il 9 giugno e l’ex stewart del San Paolo gridava ai 24 accorsi ad ascoltarlo: “I cittadini apprezzano sempre quando una forza politica allontana chi si approfitta della stessa. Alcuni si fanno eleggere con noi e dopo poco passano al gruppo misto. Questo noi lo evitiamo, siamo stati rigidi e siamo stati premiati”.  Marika Cassimatis, non l’aveva proprio mandata giù. Come? Io abbandono le vie legali per dirimere la questione e tu mi accoltelli? Così era partita una nuova querela: “La strumentalizzazione di un fatto giudiziario che mi ha visto vincitrice, distorcendone il risultato a fini elettorali, è un grave fatto che rispecchia l’incapacità del M5S di gestire con onestà intellettuale il calo del consenso”.



Parole pesanti come pietre che erano valse a Cassimatis il plebiscito popolare alle successive amministrative, il 2% circa decimale più decimale meno, plebiscito che aveva chiarito perché i dirigenti a 5Stelle – sì, tocca chiamarli dirigenti – avevano preferito farla fuori in quel modo.

Nella serata del 13 luglio la notizia che l’astro nascente della politica internazionale, l’omino politichino che cambierà le sorti della storia italiana, mondiale e galattica, Luigi Di Maio detto dei Congiuntivi è indagato per diffamazione, getta nello sconforto migliaia di adpeti alla Sacra Setta del Blog ed un unico grido si leva dalle folle piangenti: “Blasfemi!”

 





(14 luglio 2017)

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

LEGGI ANCHE