Home / Notizie / Arte / Biennale 2017, dei padiglioni dell’Estonia e del Montenegro e, a margine, l’interessantissimo Evan Penny

Biennale 2017, dei padiglioni dell’Estonia e del Montenegro e, a margine, l’interessantissimo Evan Penny

di Emilio Campanella

 

 

 

 

 

Ed eccoci entrare in Campiello S.Vidal, dopo avere visitato ogni artistico anfratto veneziano, per visitare Objection, che si definisce: The Pavillon of Humanity. Non ha nulla a che fare con la Biennale, ma merita uno sguardo attento per ambientazione ed installazioni di tutto rispetto. Continuando invece si arriva a Palazzo  Malipiero dove all’ultimo piano, dopo ripidissime scale, si arriva al padiglione dell’Estonia che propone il lavoro di Katja Novitskova, che si muove fra mostri e drammi ecologici con molta forza. Al piano terra dello stesso edificio, il Montenegro che presenta due artisti di grande interesse: Ivana Radovanovic, e Adin Rastoner, con i suoi pupazzi dagli sguardi interrogativi. In Campo S. Samuele, nella chiesa omonima: Evan Penny: Ask Your Body, sculture e disegni di questo interessantissimo artista sudafricano trasferitosi in Canada. La mostra è allestita con grandissima cura illuminotecnica e con effetti scenografici di notevole effetto. Un lavoro sui corpi, sui volti, lo scavo della sofferenza interiore e sulla carne, come lo sconvolgente Marsyas del 2017 o Homage to Holbein del 2016. Si può visitare fino a novembre… Nnon c’è indicazione di data.

In un’altra chiesa, un poco più lontana, alla Pietà, Safet Zec, un artista bosniaco molto noto in città, che ha il suo atelier a Castello ed al quale fu dedicata una bella mostra, alcuni anni or sono, al Museo Correr (era il 2012). Propone Exodus, Ciclo pittorico per la Pietà. Il tema è evidentemente quello dei profughi. Sono grandi teleri nella chiesa ed molti studi in un corridoio adiacente. Grandi gruppi, figure solitarie, temi sacri e sacralizzazione di episodi che ancora abbiamo negli occhi, dalle pagine dei giornali. Particolari di braccia, di corpi, mani, studi di crocefissioni, tutto molto forte, da un pittore dalla mano felice, sempre intenso  e consapevole della sofferenza che conosce bene. Ho affiancato due artisti molto diversi, ma di cui mi ha colpito come una certa sintonia, oltre la vicinanza logistica. Zec sarà alla Pietà fino al 30 novembre. Mi fermo ed al prossimo articolo, riprenderò il percorso da questo punto della città.

 

 

 

(31 maggio 2017)

 




 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

Il PIL è aumentato “Perché ha fatto caldo”: Barbara Lezzi del M5S è da Premio Ignobel

Share this on WhatsAppdi Giovanna Di Rosa, twitter@gaiaitaliacom   Lei è la “stellare” esponente del M5S Barbara Lezzi, profonda conoscitrice dell’economia e dei suoi meccanismi, deputata nel parlamento italiano per volere del Sacro Blog, l’ennesima miracolata per intenderci, che in mezzo alla calura ferragostiana, colta da subitaneo fragore neuronico dopo ...

Il “non sono razzista, la mia ragazza è straniera”, sostituisce l’obsoleto “ho tanti amici gay”

Share this on WhatsAppdi Il Capo, twitter@gaiaitaliacom     Un tempo erano di moda dire “Io non ho niente contro i gay, ho tanti amici gay“, specializzato nella locuzione il triste senatore Giovanardi così terrorizzato dall’idea di finire all’inferno che gli toccherà finirci sul serio; era come quando si diceva ...

Angelino Alfano si assume il merito della crescita del PIL: “Abbiamo garantito stabilità”

Share this on WhatsAppdi Daniele Santi, twitter@gaiaitaliacom     La crescita (inaspettata!) del PIL ha già un “padrone”: è Angelino Alfano. Il ministro degli Esteri più disastroso della storia recente d’Italia, si è infatti assunto la paternità della crescita del PIL, crescita inaspettata che ha stupito persino il governo, perché ...

Reggio Emilia, cinghiate e calci alla figlia che non ha preparato la cena: denunciato dai carabinieri

Share this on WhatsAppdi Gaiaitalia.com, #ReggioEmilia     Rientrato a casa con la luna storta ha preso a cinghiate la figlia non ancora 18enne “colpevole” di non avergli preparato la cena. E’ l’ennesimo grave episodio di violenza in famiglia, consumatosi ieri sera in un’abitazione di un comune della Val d’Enza, ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi