Home / Giustappunto! / “Giustappunto!” di Vittorio Lussana: “Il Briatore pensiero? Meglio il socialismo dei Puffi”

“Giustappunto!” di Vittorio Lussana: “Il Briatore pensiero? Meglio il socialismo dei Puffi”

di Vittorio Lussana  twitter@vittoriolussana

 

 

 

 

Come commentare a mente fredda le recenti dichiarazioni di Flavio Briatore sui giovani italiani, disoccupati perché “vogliono continuare a mangiare lo spaghetto con la mamma alla domenica”? Forse, è il ragionamento ‘basic’ di un cattolico reazionario. Oppure, siamo di fronte a un pregiudizio bello e buono: quello di una disoccupazione sostanzialmente volontaria. I giovani ormai provengono da un intero decennio di insulti: bamboccioni, ‘choose’, adesso anche ‘spaghettari’. Ma questo tipo di ragionamenti danno pienamente la misura di un Nord italiano che proprio non si capisce come sia riuscito a far soldi, o a raggiungere una posizione di rilievo: in altri tempi, persone che ragionavano così grossolanamente sarebbero finiti a mungere le mucche alle 4 del mattino. Sei milioni di disoccupati ‘volontari’ avrebbe l’Italia: ma come si può sostenere una cosa così assurda, in diretta satellitare e in collegamento nazionale? Quoque tu, Formigli? Non basta Paragone a far ‘casino’ il mercoledì sera? Perché allora non sentire il parere dell’uomo di Neanderthal? E Godzilla? Vogliamo lasciarla lì da sola, nella sua ‘tana’, a covare uova di dinosauro? Questi sì che sono pareri assennati ed equilibrati, quelli che potrebbero darci lo ‘spunto’ per risolvere questioni eccezionali, non ti pare Formigli? Tanto, il mondo ormai va così: questa è la tendenza. Chi ci mettiamo alla Casa Bianca? Un improvvisatore. E a chi vogliamo far vincere le prossime elezioni politiche in Italia? A dei buffoni arroganti guidati da un comico, dai! Persino il dottor Stranamore, nel suo delirio maligno e malato, possedeva una visione lineare e coerente, rispetto a questi qui che vanno in televisione.

La vera filosofia del Nord d’Italia di un tempo era quel cattolicesimo liberaldemocratico di ‘manzoniana memoria’ che ha sempre confidato in valori come la semplicità, l’operosità, l’umiltà. Princìpi che sono esattamente l’opposto rispetto all’arroganza piccolo borghese dei ‘pidocchi arricchiti’. Me lo ha detto, proprio in questi giorni, la Cristina D’Avena, quell’estremista di sinistra che teorizza la dittatura proletaria dei Puffi blu “che sono alti, su per giù, due mele o poco più”: perché non inviti lei a ‘Piazzapulita’, Formigli? Guarda che è meglio lei di Briatore: hai capito, ‘testina’?

 

 

 

 

(18 maggio 2017)

 




 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’allegra giovane coppia formata da lei e lui esempio di odio razzista

Share this on WhatsAppdi Giancarlo Grassi, twitter@gaiaitaliacom     Eccoli là sull’autobus a Rimini, in tempo di vacanze, lei 19enne, lui 22enne. Una mano si infila abile e silenziosa in una borsa e ne estrae un cellulare. La proprietaria, una donna africana che aspetta un bambino, se ne accorge e ...

Attentato a Barcellona: dodici morti e sessantaquattro feriti. Due arresti e due ricercati

Share this on WhatsAppdi G.G., twitter@gaiaitaliacom     (aggiornamento 17/08/2017, ore 20.00) Sono almeno dodici i morti nell’attentato islamista che ha colpito Barcellona attorno alle 17.00 del 17 agosto. Secondo alcune notizie i terroristi sarebbero asserragliati in un bar. Altre notizie smentiscono questa versione. I Mossos D’Esquadra riferiscono con un ...

Il PIL è aumentato “Perché ha fatto caldo”: Barbara Lezzi del M5S è da Premio Ignobel

Share this on WhatsAppdi Giovanna Di Rosa, twitter@gaiaitaliacom   Lei è la “stellare” esponente del M5S Barbara Lezzi, profonda conoscitrice dell’economia e dei suoi meccanismi, deputata nel parlamento italiano per volere del Sacro Blog, l’ennesima miracolata per intenderci, che in mezzo alla calura ferragostiana, colta da subitaneo fragore neuronico dopo ...

Il “non sono razzista, la mia ragazza è straniera”, sostituisce l’obsoleto “ho tanti amici gay”

Share this on WhatsAppdi Il Capo, twitter@gaiaitaliacom     Un tempo erano di moda dire “Io non ho niente contro i gay, ho tanti amici gay“, specializzato nella locuzione il triste senatore Giovanardi così terrorizzato dall’idea di finire all’inferno che gli toccherà finirci sul serio; era come quando si diceva ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi