Il consigliere a 5Stelle col vizietto del furtarello nell’armadietto: l’oscuro fascino dell’onestà

Condividi

di Daniele Santi

 

 

 

 

Troppa coerenza ed onestà danno alla testa e, come insegna Guerre Stellari, sappiam che nonostante la buona volontà non può mancare la parte oscura, l’irresistibile desiderio di farsi sedurre dalla “parte oscura”.

Angelo Malerba, per un furtarello adolescenziale, aveva subito il primo risultato, psicologicamente devastante, dell’allontanamento dal gruppo consigliare alessandrino della Setta del Sacro Blog tutta Coerenza ed Onestà – che nemmeno sembra la stessa che governa Roma, ad esempio, dove coerenza ed onestà nemmeno sanno dove stanno di casa – del buon rappresentante a 5Stelle che poi però fu costretto, il buon rappresentante M5S, a sedersi nel gruppo misto. Dove tutt’ora risiede.

Poi un mese fa la sentenza di condanna in primo grado con cui si è concluso il processo direttissimo nei confronti del consigliere comunale di Alessandria Angelo Malerba per il furto di due banconote da 50 euro sfilate dal portafoglio di un cliente della palestra Pianeta Sport, che lo stesso politico frequentava abitualmente. Ed ora verranno rese note le motivazioni di quella condanna in primo grado.

La Stampa sottolinea come i pubblici ministeri abbiano stigmatizzato “il comportamento non collaborativo durante tutto l’iter processuale, privo di qualsiasi pentimento per un fatto spudoratamente evidente”; loro avevano chiesto la condanna a un anno e mezzo di reclusione. Il giudice ha inflitto sette mesi, concedendo i doppi benefici della sospensione condizionale e della non menzione. Dal deposito delle motivazioni, ora decorrono 45 giorni di tempo in cui la difesa potrà decidere se impugnare il verdetto in Appello.

Il silenzio a 5Stelle è giustificatissimo, essendo Malerba fuori dal movimento del Sacro Blog già da diversi mesi. Riportiamo la notizia perché conferma il nostro credo infantile: quello cioè, che non basta essere M5S per essere automaticamente onesti; Malerba ad esempio pare non avere collaborato per niente coi giudici proprio come alcuni dei protagonisti dello scandalo delle firme false di Palermo che ai giudici hanno sempre rifiutato di rispondere. Mele marce in un mare di onestà?

 

 

 

(3 aprile 2017)

 




 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata



 

Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: