Home / lgbtqi / Africa & Maghreb lgtb / Tunisia, otto mesi di prigione perché “sembravano gay”

Tunisia, otto mesi di prigione perché “sembravano gay”

foto di repertorio che non si riferisce ai due protagonisti dell’episodio che, come noterete, non vengono citati con nomi e cognomi nel nostro articolo

di Paolo M. Minciotti

 

 

 

 

 

Arrestati dalla polizia per le strade di Sousse, nel sud della Tunisia, con l’accusa di “sembrare gay”, erano stati torturati ed abusati in prigione dalle forze dell’ordine e costretti a firmare una dichiarazione dove affermavano di avere rapporti omosessuali. Sono stati condannati qualche giorno fa ad otto mesi di prigione sulla base di… nulla.  Senza il diritto alla difesa, senza prove della loro omosessualità (che comunque è proibita dalle legge in Tunisia, anche se il 90% dei maschi sedicenti eterosessuali la pratica allegramente), i due giovani di 23 e 22 anni, studenti, sono ora in carcere per omosessualità. Anche i test corporali [sic] ai quali i due sono stati sottoposti hanno dato esito negativo [sic], ma non importa. In uno dei paesi dove le forze di polizia sono tra le più corrotte una dichiarazione estorta con la forza e la violenza può più di qualsiasi prova. Soprattutto se a farne le spese sono due giovani che “sembrano gay”.

 




 

I fatti, li riportammo qui, risalgono al dicembre 2016.

 




 

(17 marzo 2017)

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’allegra giovane coppia formata da lei e lui esempio di odio razzista

Share this on WhatsAppdi Giancarlo Grassi, twitter@gaiaitaliacom     Eccoli là sull’autobus a Rimini, in tempo di vacanze, lei 19enne, lui 22enne. Una mano si infila abile e silenziosa in una borsa e ne estrae un cellulare. La proprietaria, una donna africana che aspetta un bambino, se ne accorge e ...

Attentato a Barcellona: dodici morti e sessantaquattro feriti. Due arresti e due ricercati

Share this on WhatsAppdi G.G., twitter@gaiaitaliacom     (aggiornamento 17/08/2017, ore 20.00) Sono almeno dodici i morti nell’attentato islamista che ha colpito Barcellona attorno alle 17.00 del 17 agosto. Secondo alcune notizie i terroristi sarebbero asserragliati in un bar. Altre notizie smentiscono questa versione. I Mossos D’Esquadra riferiscono con un ...

Il PIL è aumentato “Perché ha fatto caldo”: Barbara Lezzi del M5S è da Premio Ignobel

Share this on WhatsAppdi Giovanna Di Rosa, twitter@gaiaitaliacom   Lei è la “stellare” esponente del M5S Barbara Lezzi, profonda conoscitrice dell’economia e dei suoi meccanismi, deputata nel parlamento italiano per volere del Sacro Blog, l’ennesima miracolata per intenderci, che in mezzo alla calura ferragostiana, colta da subitaneo fragore neuronico dopo ...

Il “non sono razzista, la mia ragazza è straniera”, sostituisce l’obsoleto “ho tanti amici gay”

Share this on WhatsAppdi Il Capo, twitter@gaiaitaliacom     Un tempo erano di moda dire “Io non ho niente contro i gay, ho tanti amici gay“, specializzato nella locuzione il triste senatore Giovanardi così terrorizzato dall’idea di finire all’inferno che gli toccherà finirci sul serio; era come quando si diceva ...