33.7 C
Roma
27 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
nubi sparse
23.9 ° C
25.4 °
22.4 °
67 %
2.6kmh
75 %
Mer
25 °
Gio
26 °
Ven
29 °
Sab
28 °
Dom
21 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeLGBTIQ+Africa & Maghreb lgtbUganda: la Corte Costituzionale assesta un'altra mazzata alla Legge Antigay

Uganda: la Corte Costituzionale assesta un’altra mazzata alla Legge Antigay

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Uganda Antigay 00di Paolo M. Minciotti

 

 

 

 

 

 

Un’altra mazzata sulla Legge Antigay ugandese ed una nuova speranza per le vessate, discriminate, violentate e perseguitate persone LGBT del paese. La Corte Costituzionale ha infatti dichiarato illegittimi alcuni articoli della Legge che proibivano alle persone omosessuali di unirsi in associazione e lottare per i loro diritti (articoli mutuati direttamente dalle orrende leggi russe volute da Putin e dai suoi scagnozzi), decidendo a favore della loro incostituzionalità.

La Corte Costituzionale ha accolto il ricorso dello Human Rights Awareness and Promotion Forum (HRAPF), promosso dal direttore esecutivo dell’organizzazione Adrian Jjuuko, che affermava che gli articoli in questioni andavano contro il diritto delle minoranze ad organizzarsi e difendersi, quando discriminate, come invece garantisce la Costituzione dell’Uganda.

 

Un piccolo passo avanti che fa sperare in un futuro che permetta l’uguaglianza nel paese di tutti i cittadini. Gay, lesbiche, bisessuali e transessuali sono attualmente ferocemente discriminati in Uganda, non solo dalle autorità, ma anche dai cittadini comuni.

 

 

 

(12 novembre 2016)

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Roma
cielo sereno
33.7 ° C
34.7 °
32.8 °
37 %
1kmh
0 %
Mer
37 °
Gio
36 °
Ven
37 °
Sab
36 °
Dom
35 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE