17.5 C
Roma
17 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
8.7 ° C
10.6 °
7.1 °
94 %
3.2kmh
1 %
Mar
18 °
Mer
17 °
Gio
19 °
Ven
18 °
Sab
18 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaBucato il server della Wada, scoppia un altro esilarante caso doping

Bucato il server della Wada, scoppia un altro esilarante caso doping

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram
foto: Ian MacNicol/Getty images
foto: Ian MacNicol/Getty images

di Filomena Filippetti

 

 

 

 

 

 

La vendetta va gustata fredda, così un mese dopo le Olimpiadi di Rio 2016, quelle dell’assenza russa – che nessuno ha notato – e nelle quali alcuni atleti statunitensi hanno trionfato, una crew di hacker russi ha bucato il server della Wada, che è l’agenzia mondiale antidoping, ed ha messo lì un po’ di roba compromettente che testimonierebbe con una certa precisione, che alcuni tra i nomi più importanti dello squadrone a stelle e strisce farebbero uso di sostanze dopanti, tra loro le sorelle Williams e la stratosferica ginnasta Simon Biles. Quest’ultima avrebbe assunto sostanze illecite come farmaci autorizzati.  Secondo gli hackers russi questi atleti avrebbero “ricevuto la licenza per il doping”.

 

Il permesso che la Wada rilascia si chiama “Tue (Therapy Use Exemption)” e gli atleti che ne hanno fatto uso, sotto l’ombrello – secondo gli hacker russi – “illegale” della Wada, sarebbero risultati positivi anche durante i Giochi, ma il Tue li avrebbe scagionati.

 

Le sostanze incriminate sono il metilfenidato, uno psicostimolante, e anfetamine sotto ricetta medica. I controlli della Wada avevano rilevato queste sostanze. Lo scandalo è innescato. A buon rendere.

 

 

 

 

(13 settembre 2016)

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

Roma
cielo sereno
17.5 ° C
19 °
14.5 °
64 %
2.1kmh
0 %
Mar
26 °
Mer
26 °
Gio
25 °
Ven
24 °
Sab
20 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE