17.7 C
Roma
18.1 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
nubi sparse
14 ° C
16 °
12.4 °
91 %
3.5kmh
41 %
Mar
21 °
Mer
22 °
Gio
25 °
Ven
26 °
Sab
21 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCoherentia et honestateMuraro indagata da mesi e Raggi lo sapeva: eccole la coerenza e...

Muraro indagata da mesi e Raggi lo sapeva: eccole la coerenza e l’onestà a 5Stelle

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Virginia Raggi 20 Paola Murarodi Giovanna Di Rosa

 

 

 

 

 

 

 

Paola Muraro è indagata da mesi, lo scrive il Corriere, e la sua iscrizione al registro degli indagati era nota da mesi, da prima della nomina ad assessore nella giunta di Virginia Raggi che se ne sarebbe fregata, pur essendo al corrente dell’iscrizione, e l’avrebbe nominata lo stesso. Si riassume qui il fallimento della balla chiamata “coerenza ed onestà” che il M5S ha usato come ariete contro i “partiti corrotti”, in particolare contro Il Pd. Posto che un avviso di garanzia, o un’iscrizione nel registro degli indagati, non è un’affermazione di consapevolezza, ma solo qualcosa che serve a chi indagato è a sapere di esserlo, proprio in nome della coerenza che il cialtronume a 5Stelle ha sempre venduto, la giunta di Virginia Raggi dovrebbe andare a casa e dovrebbero essere convocate subito nuove elezioni. A proposito di Muraro il Corriere scrive:

 

Sono tre i filoni avviati dal pubblici ministero Alberto Galanti e coordinati dai procuratori aggiunti Paolo Ielo e Michele Prestipino. Uno riguarda gli impianti di Tmb (Trattamento meccanico biologico) che Muraro seguiva per conto di Ama e che avrebbero portato nelle casse delle società di gestione (la stessa Ama e le ditte del ras dei rifiuti Manlio Cerroni) molti più soldi di quelli dovuti, falsificando i dati sul materiale smaltito. Prima della pausa estiva i carabinieri del Noe, il Nucleo operativo ecologico guidato dal generale Sergio Pascali, hanno acquisito la documentazione relativa al trattamento della spazzatura per effettuare nuove verifiche sull’entità dell’eventuale truffa. E soprattutto per accertare la natura dei rapporti tra Muraro e Cerroni, anche alla luce della posizione dell’allora funzionaria sul tritovagliatore di Rocca Cencia.

 

L’articolo del quotidiano prosegue soffermandosi anche sullo scandalo di Mafia Capitale, scandalo sul quale il M5S ha impostato la sua campagna elettorale, ed in particolare sulla natura dei rapporti tra Muraro e Salvatore Buzzi, che dal carcere aveva rilasciato una dichiarazione in difesa di Virginia Raggi:

 

Ancora da esplorare sono invece i contatti con Salvatore Buzzi, ritenuto insieme con Massimo Carminati il capo dell’organizzazione mafiosa che ha ottenuto appalti e nomine dal Campidoglio. Si tratta di tre telefonate che la Muraro fece nel 2012, proprio su indicazione di Fiscon, per una delle commesse che riguardavano i rifiuti. Alla fine la cooperativa di Buzzi non ottenne l’appalto — che fu invece assegnato a una delle ditte indicate da Fortini in qualità di presidente di Federambiente — ma i magistrati vogliono approfondire le procedure seguite.

 

Tutto questo non basta, perché i dimissionari – assessori e direttori generali – che se ne sono andati sbattendo la porta ed hanno lasciato la Sindaca delle Funivie alle prese col più grosso casino della sua esistenza, cominciano a togliersi sassolini dalle scarpe. L’ex direttore generale di Atac Rettighieri, ad esempio, ha rilasciato un’intervista a Il Messaggero dove non le manda certo a dire e parla di “Sistema clientelare che ha sponde nella giunta M5S”: da parte sua la sconfitta Giorgia Meloni rende noto che il 2 settembre scorso, con 26 voti contrari e 8 favorevoli, la maggioranza capitolina ha bocciato la mozione presentata da Fdi-An che impegnava la sindaca di Roma e la sua Giunta a rinunciare all’utilizzo delle auto blu. Ricorderete come quello delle auto di servizio sia stato uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale della Signora del Libero Scambio e del Debito Pubblico lo pagheranno i miei Predecessori. Però, come sempre, al momento di dover rinunciare ai privilegi questi fanno marcia indietro.

 

In chiusura questa faccenda dai risvolti patetici almeno un aspetto positivo ce l’ha: il sedicente direttorio tace. Ed è una gran fortuna.

 

 

 

 

 

 

 

(4 settembre 2016)

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

Roma
cielo sereno
17.7 ° C
19.8 °
14.5 °
60 %
0.9kmh
7 %
Mar
28 °
Mer
29 °
Gio
31 °
Ven
34 °
Sab
35 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE