Home / lgbtqi / Africa & Maghreb lgtb / Impopolarissimo articolo sugli arresti di omosessuali in Tunisia, ora insultateci

Impopolarissimo articolo sugli arresti di omosessuali in Tunisia, ora insultateci

di Gaiaitalia.com

 

 

 

 

Molte pagine di molti siti e quotidiani si sono riempiti di indignazione per la sorte di una decina di persone omosessuali, tra di loro due donne, che in Tunisia sono state arrestate (e tre di loro ri-arrestati) per omosessualità. E’ una indignazione pienamente giustificata, tutte le azioni che verranno intraprese sono azioni legittime, ma né l’indignazione né le azioni gioveranno a questi giovani. I motivi sono differenti: primo tra tutti la legge che punisce i rapporti omosessuali tra adulti consenzienti con pene fino a tre anni di carcere; secondariamente una cultura che non comprende la relazione omosessuale così come noi la concepiamo, ma che la taccia di vizio paragondandola alla pedofilia; il fatto che l’omosessuale definito tale è soltanto l’omosessuale cosiddetto “passivo” mentre chi assume un ruolo attivo omosessuale non viene considerato zamel, spesso nemmeno dai giudici; pregiudizi sociali nei confronti dell’omosessualità di tipo “occidentale” fortissimi e non sradicabili in tempi brevi. Quali che siano le petizioni che firmeremo in Italia e in Europa.

Siamo pronti agli insulti, ma non possiamo esimerci dal dire che questo tipo di azioni fanno bene all’associazionismo di casa nostra, sono cause che servono a mantenere alta l’attenzione sul rispetto dei diritti umani di tutti, ma non cambiano di una virgola i pregiudizi delle società cui pretendono di risolvere ed ai protagonisti di questa tristissima vicenda, fanno più bene che male.

E’ la Legge tunisina, sbagliata quanto si vuole, a stabilire che l’omosessualità è un reato. Sotto Ben Alì ad esempio, la legge veniva applicata rarissimamente e solo – come in questo caso – quando c’era la testimonianza diretta di cittadini tunisini che indicavano loro concittadini coinvolti in atti omosessuali. Si faceva, oggi come allora, per evitare il “pubblico scandalo”. Se la legge prescrive tre anni di carcere e viene comminato solo un mese, è perché i giudici in qualche modo intercedono, non è grazie alle azioni (pieno diritto di esercitarle) delle associazioni LGBT italiane ed europee o alla loro raccolta di firme. I popoli di quell’area, chi scrive conosce assai bene quel paese, dove ha passato molto tempo e nel quale ha studiato, non vivono bene le ingerenze europee nei loro affari interni. Diverso è il discorso per i governanti tunisini, consapevoli della necessità di ammodernare le leggi e le pene legate alle libertà individuali, ma i processi di cambiamento sono lenti ed il nostro giudizio sommario su ciò che accade in altri paesi ignorando le ragioni degli accadimenti serve a pochi. E sicuramente non serve a loro.

Ci diranno che bisogna mettersi dalla parte delle vittime. E’ proprio da quella parte che ci mettiamo consapevoli che una troppo forte pressione ed attenzione sulla questione non farà, per quelle che sono le condizioni politiche del paese, con i Salafiti in grande spolvero, il partito islamista (seconda forza politica tunisina) che si nasconde dietro una moderazione di facciata impostagli dalle urne e gli scontri alla frontiera con i terroristi dell’Isis, che aumentare l’attenzione sulle giovani vittime della discriminazione rischiando di peggiorarne la situazione.

Il movimento per la depenalizzazione dell’omosessualità in Tunisia sta prendendo piede, ma i rischi sono altissimi, principalmente dovuti alla sempre presente possibilità di islamizzazione del paese. La posta in gioco è altissima. Occorre anche la nostra prudenza. Noi che troppo spesso ci dimentichiamo dove stiamo e dove eravamo soltanto trent’anni fa.

Ora insultateci.

 

 

 

 

(5 aprile 2016)

 





 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’allegra giovane coppia formata da lei e lui esempio di odio razzista

Share this on WhatsAppdi Giancarlo Grassi, twitter@gaiaitaliacom     Eccoli là sull’autobus a Rimini, in tempo di vacanze, lei 19enne, lui 22enne. Una mano si infila abile e silenziosa in una borsa e ne estrae un cellulare. La proprietaria, una donna africana che aspetta un bambino, se ne accorge e ...

Attentato a Barcellona: dodici morti e sessantaquattro feriti. Due arresti e due ricercati

Share this on WhatsAppdi G.G., twitter@gaiaitaliacom     (aggiornamento 17/08/2017, ore 20.00) Sono almeno dodici i morti nell’attentato islamista che ha colpito Barcellona attorno alle 17.00 del 17 agosto. Secondo alcune notizie i terroristi sarebbero asserragliati in un bar. Altre notizie smentiscono questa versione. I Mossos D’Esquadra riferiscono con un ...

Il PIL è aumentato “Perché ha fatto caldo”: Barbara Lezzi del M5S è da Premio Ignobel

Share this on WhatsAppdi Giovanna Di Rosa, twitter@gaiaitaliacom   Lei è la “stellare” esponente del M5S Barbara Lezzi, profonda conoscitrice dell’economia e dei suoi meccanismi, deputata nel parlamento italiano per volere del Sacro Blog, l’ennesima miracolata per intenderci, che in mezzo alla calura ferragostiana, colta da subitaneo fragore neuronico dopo ...

Il “non sono razzista, la mia ragazza è straniera”, sostituisce l’obsoleto “ho tanti amici gay”

Share this on WhatsAppdi Il Capo, twitter@gaiaitaliacom     Un tempo erano di moda dire “Io non ho niente contro i gay, ho tanti amici gay“, specializzato nella locuzione il triste senatore Giovanardi così terrorizzato dall’idea di finire all’inferno che gli toccherà finirci sul serio; era come quando si diceva ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi