34.9 C
Roma
27.5 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
nubi sparse
21.8 ° C
23.7 °
20.7 °
77 %
2.6kmh
40 %
Ven
23 °
Sab
23 °
Dom
25 °
Lun
26 °
Mar
28 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaTunisia, primi arresti nel dopo attentato. Terroristi addestrati dall'Isis in Libia

Tunisia, primi arresti nel dopo attentato. Terroristi addestrati dall’Isis in Libia

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Tunisia Sousse No Terrorismodi Ahmed Naouali

 

Le forze dell’ordine tunisine avrebbero arrestato cinque persone coinvolte a qualche titolo nell’attentato che è costato la vita di 39 persone, in gran parte straniere, nella spiaggia di Sousse nel venerdì nero nel quali l’Isis ha insanguinato quattro paesi, mentre proseguiva le ordinarie attività di decapitazione e distruzione dell’infedele (musulmano, cristiano che sia), nel giorno successivo ad una straordinari manifestazione che ha visto tutta la Tunisia in piazza inneggiare alla laicità dello stato e dire “No” all’integralismo.

 

Conosco assai bene quel paese e conosco la straordinaria fierezza del suo popolo. Conosco l’assoluto disprezzo per ogni forma di intolleranza e conosco la formidabile base laica su cui la religione islamica poggia come sul velluto, protetta dal gran cuore dei tunisini.

 

Secondo notizie provenienti dal ministero dell’Interno, le autorità tunisine avrebbero già arrestato cinque persone presumibilmente connesse con il terrorista Rezgui, ucciso dalle forze dell’ordine subito dopo l’attentato, cinque persone che – secondo quanto dichiarato dai dirigenti dell’associazione sindacale studentesca dell’Union général des étudiants tunisiens (Uget), che lo conosceva – sarebbe stato era alla guida di una cellula terroristica di 5 persone delle quali una di ritorno dalla Siria e ancora attiva a Kairouan senza alcuna sorveglianza da parte delle autorità.

 

In Tunisia sono attive cellule salafite presumibilmente collegate all’Isis molto violente che già in passato si sono rese protagoniste di occupazione di spiagge e strade scelte come luogo di preghiera e di sgradevoli episodi agli aeroporti del Paese, dove alcuni di loro avrebbero preteso di cacciare turiste e turisti occidentali, fornicatori, e quindi non benvenuti, oltre ad attentati che hanno messo fine alla vita di stimati, conosciuti e seguiti politici laici del paese.

 

Secondo notizie non confermate l’attentatore si sarebbe recato in Libia per tre mesi proprio per essere addestrato dall’Isis per l’attacco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(30 giugno 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Roma
cielo sereno
34.9 ° C
36.9 °
32 °
34 %
4.6kmh
0 %
Ven
33 °
Sab
34 °
Dom
36 °
Lun
37 °
Mar
36 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE