L’impiegatucolo da due scudi alla biglietteria dei pullman di Roma Tiburtina

Condividi

Roma Tiburtinadi Il Capo

Mi sposto spesso verso l’Umbria, dove c’è verde nell’ambiente e verde nel cuore, stanco della capitolina maleducazione e prepotenza, con cui mi trovo a convivere per ragioni di lavoro. Qualche giorno fa ho avuto la ventura di chiedere informazioni ad un umano di pochi mezzi e grandi ambizioni, probabilmente distrutto dal dover passare la vita dietro un vetro stampigliando biglietti e dando resti, alla stazione dei pullman di Roma Tiburtina.

Ho la ventura di chiedergli quale Stallo riceverà il pullman per Perugia (e non in quale stalla lui fosse nato), ricevo in risposta un’altra domanda: “Lei ha fatto il biglietto?”, rispondo a mia volta che la mia domanda è un’altra e che dovrebbe cortesemente rispondermi. Mi invita di nuovo prepotentemente a “tirare fuori i soldi per il biglietto”, al che gli rispondo che offrendo la compagnia che ho scelto un servizio di biglietteria a bordo ho la libertà di pagare dove mi pare e ripeto che avrei necessità di sapere quale Stallo riceverà il pullman per Perugia.

Mi guarda come avrebbe guardato un lebbroso che tenta di baciarlo e mi dice, stornando lo sguardo, che non è in grado di dirmelo perché il numero dello Stallo appare a terminale soltanto all’arrivo del pullman. E’ soddisfatto, umano di pochi mezzi e grandi ambizioni, di non avermi fornito una delle informazioni che la sua mansione prevede, io che sono stato reo di avere risposto a tono alla sua prepotenza pretendendo rispetto.

Disgraziatamente per lui, l’umano di pochi mezzi e grandi ambizioni, la sua collega a fianco stava informando – nello stesso istante, quando si dice la malasorte – un altro passeggero che lo Stallo che avrebbe ospitato il pullman per Perugia era il numero 16. Cosa che mi ha consentito di ridicolizzare ulteriormente il minus habens dietro il vetro.

Ci sono giorni gravidi di soddisfazioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(9 febbraio 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: