31.8 C
Roma
29.4 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
24.4 ° C
25.1 °
23.2 °
56 %
1kmh
0 %
Mer
24 °
Gio
22 °
Ven
21 °
Sab
23 °
Dom
15 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeLGBTIQ+Africa & Maghreb lgtbGambia, il viscido verbo del presidente Yammeh: i gay rovineranno il mondo

Gambia, il viscido verbo del presidente Yammeh: i gay rovineranno il mondo

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Yahya Jammeh 01di Paolo M. Minciotti

Il viscido presidente Yammeh, recentemente sfuggito ad un tentativo di deposizione mentre si trovava all’estero, ha dichiarato lo scorso sabato che “I gay rovineranno il mondo” aggiungendo che se “pensano di imporre la loro omosessualità saranno rovinati”.

Non so cosa pensino i nostri lettori, ma non ci sembra che la rovina del mondo siano le persone omosessuali: l’Isis, che sta distruggendo la cultura islamica a colpi di integralismo, si vanta di ammazzare gli omosessuali; Boko Haram, che si specializza nel far saltare in aria bambine di 10 anni in nome del suo dio, non ci risulta sia composto da omosessuali; lo stesso Yammeh, la cui popolazione vive sotto la soglia di povertà non certo per colpa degli omosessuali, governa nello sfarzo e nel lusso mentre la gente non ha di che mangiare ed è eterosessuale; il neosovietismo di Putin, eterosessualissimo presidente russo, si basa proprio sulla lotta antigay e sul disprezzo delle minoranze, nemmeno a lui le cose vanno tanto bene.

Francamente non ci sembra che la rovina del mondo venga dai gay, piuttosto da eterosessuali tronfi del loro potere che credono eterno e che in nome del mantenimento di quel potere sono disposti a tutto, anche a rovinare i paesi che governano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(14 gennaio 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

Roma
cielo sereno
31.8 ° C
32.9 °
27.9 °
28 %
5.1kmh
0 %
Mer
35 °
Gio
38 °
Ven
38 °
Sab
33 °
Dom
27 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE