Pubblicità
martedì, Aprile 23, 2024
12.7 C
Roma
5.5 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeInternet & SocialArriva il Gay Village, leggetevi gli insulti e i commenti su Facebook...

Arriva il Gay Village, leggetevi gli insulti e i commenti su Facebook alla nuova direttrice Vladimir Luxuria

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Vladimir Luxuriadi Anna Maria Locchi

Se vi fate un tour sulla pagina Facebookdel Gay Village dove troneggia una bellissima foto di Vladimir Luxuria, direttrice artistica della manifestazione estiva, (dove non vanno solo gay e lesbiche), si rimane sconcertati dal tono dei commenti insultanti, razzisti e/o omofobi, o che solo manifestano l’invidia di chi si sente “scavalcato” da gente ritenuta “inferiore” in quanto “diversa” che ha più successo nella vita di certi ignobili cialtroni che passano la vita tatuandosi e mostrando il muscoloso braccio con tatuata l’appartenenza al gruppo, sul proprio profilo.

E’ Vladimir Luxuria, con i suoi seni, a scatenare il desiderio prontamente represso che si trasforma in odio e repulsione, perché la psicologia esiste e si applica anche ai minus habens, e anche lì, ahinoi, funziona.

Dal 20 giugno la manifestazione rallegrerà le serate romane, insieme a tante altre manifestazioni che fanno di Roma la meravigliosa città che è.

Non parliamo né di omofobi né di razzismi: parliamo della spaventosa intolleranza che cinque anni di Alemanno hanno alimentat,o con le scelte che sono sotto gli occhi di tutti e che sono finalmente costate a questa Destra la poltrona di Primo Cittadino.

Alcuni esempi di commenti? Eccoli qua:

 

xxx Ma perche non vi date fuoco omofobi di merda il gay village e’ una grande iniziativa e se quest anno la direzione artistica sara’ gestita da Luxuria immagino che spettacolo…. Come fate a vivere e a guardarvi nello specchio scrivendo questi insulti qu…
xxx critichi un gay?…omofobo. 
critichi una donna?..maschilista.
critichi un altro colore?..razzista.
critichi un uomo?..femminista.
non si può più parlare di un cazzo senza essere etichettati qualcosa.. se ti dico che non mi piaci perché ho altri valori non sono omofobo..se ti dico che non mi piaci perché ho un altra religione non sono razzista..se ti dico che non mi piaci è perché non mi piaci e basta.finisce li.non posso dire a qualcuno che non mi piace o che non sono d accordo con lui senza passare per “qualcosa”? da un estremo all altro..poi si esagera al contrario..
xxx Ma chi ve credete de esse voi gay per dare dello “zotico, ignorante, represso, decerebrato” a chi non la pensa come voi? Ma chi cazzo sete? Pensate de esse mejo de noi? Ma fateve un bagno d’umiltà che non sete proprio un cazzo de nessuno autoghettizzati de sta minkia…
xxx Puoi gonfiarti le bocce quanto vuoi, resti sempre un’uomo!!!
xxx gli omofobi non sono etero, perchè agli etero veri non frega nulla dei gay.. perchè sicuri della loro sessualità, di solito ci vedono con stupore non con questa merda di cattiveria.. gli omofobi sono repressi che non vivono bene e devono prendersela con qualcuno… comunque un bacio a Vladimir sempre più bella e davvero brava un bacione da Melissa…
xxx Mavaffanculo frocione l’Italia non è così…
Questo è ciò che diamo di noi sulle pagine dei social, quando dietro l’anonimato ci sentiamo liberi di manifestare ciò che in altri occasioni non manifesteremmo. Come gli omofobi che si eccitano davanti ai porno gay o gli etero omofobi che
  1. hanno rapporti passivi con le trans per non sentirsi gay
  2. si eccitano guardando porno lesbo
  3. cercano porno gay sul web tanto non li vede nessuno
©gaiaitalia.com 2013
tutti i diritti riservati
riproduzione vietata

 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE