N)v8mxJD#1BjWFxqTDvWhqPw
32.6 C
Roma
28.2 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
23.7 ° C
25.6 °
21.7 °
70 %
2.6kmh
2 %
Gio
27 °
Ven
28 °
Sab
27 °
Dom
22 °
Lun
26 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaIl 28 giugno è la giornata mondiale dell’orgoglio LGBT. E il rispetto...

Il 28 giugno è la giornata mondiale dell’orgoglio LGBT. E il rispetto “vero” dov’è?

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Il 28 giugno è la giornata mondiale dell’orgoglio LGBT. Correva l’anno 1969 quando nel Greenwich Village, un quartiere di New York City, per la prima volta, un migliaio tra omosessuali, bisessuali e transessuali decisero di resistere di fronte alle continue incursioni della polizia nei bar gay della città; per dirla con le parole di Allen Ginsberg, il famoso poeta della Beat Generation: “I gay hanno perduto quel loro sguardo ferito”. Da quel giorno, si iniziò ad urlare per le strade delle città americane, e presto anche europee, dei motti come “Say it clear, say it loud. Gay is good, gay is proud”, che in italiano suonano così: “Dillo in modo chiaro, urlalo. Essere gay è giusto, è motivo d’orgoglio”. La comunità aveva finalmente compreso che era giunta l’ora di una svolta nella lotta per l’affermazione della libertà per le persone omosessuali.

Oggi, gran parte della destra italiana non ha ancora ben compreso o non vuole capire che questa battaglia non può e non deve essere lasciata solo alla sinistra. Gran parte della destra italiana non comprende o non vuole capire che questa è una battaglia di civiltà, non di ideologia. Certamente bisogna difendere la famiglia tradizionale e devono farlo persone che fanno figli fuori dal matrimonio o divorziati. Questo atteggiamento ha diffuso l’idea che debba essere la sinistra a farsi carico delle istanze del movimento. Ma come? La sinistra italiana non va avanti, la sinistra italiana va indietro, non guarda alla libertà, ma al socialismo. Peccato che i comunisti non siano mai stati ben predisposti nei confronti dell’omosessualità, essendo considerata “un vizio borghese”. Ma la sinistra ha completamente smarrito la retta via, i suoi esponenti sembrano essere ormai costretti dal “neosocialismo” a difendere pure l’Islam radicale. Peccato che per gli islamici, non solo per i più radicali, l’omosessualità sia “un vizio occidentale contrario alla moralità”. Infatti, è abbastanza divertente vedere omosessuali che difendono un’organizzazione terroristica islamista, conosciuta col nome di Hamas, che non esiterebbe un attimo a farli uccidere se mettessero piede a Gaza; insomma, come se le mucche manifestassero per i fast food.

In un momento di quasi lucidità mentale, la sinistra italiana si è ricordata anche degli omosessuali ed ha tirato fuori il DDL Zan. Da omosessuale, sinceramente, mi sento preso in giro, insultato nell’intelligenza. Ci serve davvero una nuova legge che punisce reati già puniti? Seriamente? Ma la grande sinistra progressista, sempre attenta alle esigenze del mondo LGBT, nel 2016 si era inventata le unioni civili, e va bene, ma di problemi ce ne sono ancora tanti. Di matrimonio egualitario non se ne parla, di adozioni non se ne parla, ma non se ne può parlare (altrimenti, la sinistra esaurirebbe gli argomenti). La maternità surrogata? È proibita anche per le coppie eterosessuali. L’accesso alla fecondazione in vitro? Solo per le coppie eterosessuali. Siamo nel 2024 ma non ci siamo ancora liberati di un certo paternalismo.

Da liberale, mi chiedo: come può lo Stato permettersi di dirci che cosa è giusto e che cos’è sbagliato quando le nostre azioni non danneggiano nessuno? Perché siamo ancora sottomessi ad un certo moralismo catto-comunista (fascista sulle libertà individuali come quello del ventennio)?

Da elettore della destra sono indignato che il mio Paese sia considerato arretrato anche su questo tema. Siamo rimasti l’unica grande nazione dell’Occidente a non aver riconosciuto ancora il diritto di creare una famiglia a tutti i nostri fratelli d’Italia. Da patriota vi dico che non renderemo l’Italia grande perché sono gli Italiani che ne parlano bene. Il nostro Paese sarà grande quando all’estero ci invidieranno, quando vorranno trasferirsi in Italia per vivere il “sogno italiano”. Ebbene sì, il resto del mondo non ci deve assolutamente nulla: dobbiamo essere noi a dimostrare di essere un grande Paese.

E infine, che pericolo c’è per la società nel permettere a due persone dello stesso sesso di creare una famiglia? Io credo che la nostra più grande missione, come persone intendo, sia quella di trasmettere un pezzo di ciò che siamo a chi viene dopo di noi, sono convinto che questa sia una nostra responsabilità: trasmettere il rispetto oltre la soglia di quello che ci è stato insegnato essere il bene e il male.

 

 

(27 giugno 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Roma
cielo sereno
32.6 ° C
34.8 °
31.3 °
42 %
5.1kmh
0 %
Gio
36 °
Ven
36 °
Sab
36 °
Dom
35 °
Lun
34 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE