31.4 C
Roma
29.8 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
pioggia leggera
23.4 ° C
25.3 °
21.5 °
63 %
2.6kmh
40 %
Mer
23 °
Gio
23 °
Ven
23 °
Sab
24 °
Dom
16 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeL'EditorialeSu, non vi lamentate. Vi dedichiamo una giornata all'anno che volete di...

Su, non vi lamentate. Vi dedichiamo una giornata all’anno che volete di più?

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

Non sono mai contenti queste poveracci che si vendono come minoranze (una disgustosa e vetusta operazione di marketing da piazza di paesino). Mai. Vogliono la giornata del Lavoro? Gliela diamo, con concerto annesso e presentatori insopportabili che leggono il gobbo senza nemmeno riuscire ad essere credibili (Noemi nel posto sbagliato, per dire); vogliono la giornata dei diritti LGBTI? Gliela diamo, tanti Pride di qua e di à, e poi non rompano i coglioni; vogliono la Festa della Donna? Diamo loro anche quella, tanto poi ci pensano i femminicidi a ristabilire l’ordine patriarcale – ché tanto il patriarcato non esiste. Vogliono il diritto di sciopero? Gli diamo anche quello, ma non scioperino troppo sennò li precettiamo perché chi non ha mai lavorato ritiene l’esercizio del potere diritto suo e di suoi: la chiamano giustizia sociale; vogliono il diritto all’istruzione? Ci sono le scuole, non rompano i coglioni con la qualità, è noto che il basso livello d’istruzione è colpa degli stranieri che non parlano italiano. Vogliono la sanità? Gliela diamo persino privata, così pagano anche quella. Se hai soldi in tasca puoi pagarti quello che vuoi. E se sei povero mica abbiamo colpa noi, sei stato tu l’incapace di fare i soldi in un mondo in cui tutti possono farne, non importa in che modo. Vogliono l’aborto? Le facciamo schiantare di sensi di colpa, le trattiamo peggio che possiamo perché noi rispettiamo la vita in tutti i suoi aspetti – e poi siamo d’accordo con la pensa di morte. Vogliono la Pace? Gli diamo anche quella tanto nel frattempo possiamo scatenare guerre da qualche altra parte. Sono d’accordo con l’arrivo i migranti in Italia? Ben vengano i migranti: gli abbiamo persino fatto leggi così impossibili da rispettare che sono costretti ad arrivare sui barconi, da clandestini, così possiamo dimostrare all’Italia quanto sono delinquenti questi immigrati illegali.

Noterete come, in mezzo a tutti questi diritti nei quali possono crogiolarsi come lucertole al sole, venga addirittura concesso il diritto di lavorare, ma non va bene nemmeno quello. Non solo pretendono di lavorare, ma addirittura vogliono anche mestieri pagati secondo giustizia sociale, in ambienti salubri e sicuri e senza che nessuno ci crepi come un cane, sul posto di lavoro. Sono senza vergogna. E poi vanno sui social per svagarsi e bestemmiare come animali perché non hanno altra valvola di sfogo, questi imbecilli che sprecano il loro tempo vendendo dati personali alle grandi multinazionali del social networking.

Insomma, non solo di voi non frega una minchia a nessuno e venite (veniamo) presi per il culo, ma addirittura si arrogano il diritto di dare giudizi dall’alto dello scranno che occupano stipendiati con i vostri soldi. Non va dimenticato, è raccomandabile, che vi hanno raccontato di volere il bene del popolo. Che siete sempre voi (noi, voi… Non certo loro).

 

 

(1° maggio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 



Roma
cielo sereno
31.4 ° C
32.3 °
28.9 °
30 %
2.1kmh
0 %
Mer
32 °
Gio
38 °
Ven
39 °
Sab
33 °
Dom
26 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE