Pubblicità
12.8 C
Roma
7.8 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023
PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition
Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaLa Rai spudoratamente ordina la lettura di un comunicato contro Ghali (e...

La Rai spudoratamente ordina la lettura di un comunicato contro Ghali (e l’art.21 della Costituzione?)….

La Zia Mara nel suo ruolo di perfetta padrona di casa, ma c’è sempre qualcuno che paga i conti, ha letto in fretta e furia un comunicato che la Rai ha calato dall’alto dove si censurava di fatto la libertà di parola di due cittadini italiani, di fatto anche artisti dopo l’appello di Ghali a smettere di ammazzare la gente come bestie e quello, più o meno dello stesso tenore di Dargen D’Amico.

E’ un precedente pericolosissimo, illiberale, antidemocratico e vergognoso: i due hanno espresso un parere civile, impeccabile nella forma e nella sostanza e sono stati messi all’indice dal servizio pubblico (mentre Raiplay ha rimosso l’intervento di Ghali a Sanremo quello stesso Ghali che ha comprato una barca e l’ha donata a Mediterranea per salvare la gente in mare che i governi lasciano annegare come bestie).

Se siamo di colpo scivolati nella Russia di Putin ce lo facciano sapere.

C’è qualcosa che va aggiunto: se la parola “genocidio” ha diritto di cittadinanza all’interno del festival, a maggior ragione andrebbe ricordato che è Hamas ad avere la parola genocidio nell’articolo uno del suo Statuto. E se Sanremo non è spazio per le esternazioni di Ghali non lo è nemmeno per le proteste dell’Ambasciatore di Israele prontamente raccolte dalla tv di Stato di Rai.

 

 

(12 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



In Evidenza