Pubblicità
15.4 C
Roma
13.8 C
Milano
martedì, Aprile 16, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaPerché il caro benzina, Signora mia, si combatte coi cartelli informativi altro...

Perché il caro benzina, Signora mia, si combatte coi cartelli informativi altro che politiche economiche e di contenimento

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di G.G.

Ricorderete quel ministro che era già ministro e che oggi è ancora ministro che si scagliava contro le accise dicendo che andavano azzerate o qualcosa di simile, vero? Ricorderete quella presidente di partito di destra oggi anche presidente del Consiglio che sceneggiava di accise con video preparati (male) per l’occasione frazionando il prezzo della benzina tra ciò che andava allo stato e il valore reale di mercato del prezzo del carburante?

Tutto appartiene al passato: l’uno è impegnato a prendersela con Saviano sproloquiando di mafie senza dire che Saviano è sotto scorta perché le mafie lo vogliono morto e l’altra si è intestata un piano Mattei sui migranti [sic] che non le lascia tempo nemmeno per l’ordinario, figurarsi per preoccuparsi di ciò che pagano gli italiani. Così hanno trovato una soluzione, un colpo di genio. Come sempre.

Affidandosi ad abili copywriter – rigorosamente di destra, in linea con il nuovo Minculpop – hanno preparato cartelli informativi che dicono agli automobilisti quanto costa il carburante, in media, in ogni regione e, ma solo per le autostrade, a livello nazionale. Da rimanere carbonizzati di fronte alla potenza di tanta geniale energia.

L’agognata apparizione dei cartelli informativi, così come l’altra geniale trovata degli SMS dell’Inps (sbagliati), avviene proprio mentre gli Italiani se ne stanno in panciolle nel caldo mese d’agosto (i fannulloni) o si godono le ferie (i meritevoli). Davvero per il governo Meloni la serenità degli Italiani tutti, belli e brutti, viene prima dell’importanza del rendere i vitalizi ai parlamentari, prima di quella questione secondaria legata a quel parlamentare che è in galera, ma percepirebbe secondo i maligni addirittura novemila euro al paese (probabilmente una delle tante bufale della sinistra), prima delle riforme costituzionali che una scellerata riforma delle camere ha reso necessaria, prima del mantenere le promesse da campagna elettorale.

 

 

(1 agosto 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE