20.3 C
Roma
17.4 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
HomeLa SpeziaGeo Barents a La Spezia. Sbarcano i migranti alla presenza del presidente...

Geo Barents a La Spezia. Sbarcano i migranti alla presenza del presidente Toti

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

“Penso che questo sia il minimo della solidarietà possibile per dare una mano allo sforzo nazionale, e tutte le volte che ci è stato chiesto, anche se la decisione di dove sbarcare non spetta a Regioni e Comuni, abbiamo risposto positivamente: utilizzare tutti i porti della Penisola per dare respiro ai territori e agli scali più coinvolti nel fenomeno della migrazione è sensato e solidale”.

Lo ha detto il presidente della Regione Liguria che a La Spezia ha accolto, insieme all’assessore alla Protezione Civile e all’assessore alla Sanità, la nave della Geo Barents, con a bordo 336 migranti, di cui 80 minori, 48 non accompagnati.

“Ogni ente ha il suo ruolo: la Prefettura si occupa di smistare le persone in arrivo, la nostra Protezione civile e la nostra sanità stanno lavorando per far fronte alle prime esigenze ed eventuali richieste di assistenza sanitaria, facendo tesoro dell’esperienza dell’ultimo sbarco al La Spezia. Come punto d’appoggio provvisorio in queste ore, per chi non sarà ospitato subito in altre località, c’è a disposizione l’area Expo. La maggior parte delle persone sarà indirizzata nelle regioni limitrofe, ma se ci fosse bisogno di un nostro contributo per minori non accompagnati o esigenze particolari la Liguria ci sarà, dato che, con l’eccezione di Ventimiglia che però segue dinamiche diverse, come regione non siamo particolarmente “oberati”. Oltre a La Spezia anche altri nostri scali, come Genova e Savona, sono attrezzati per l’accoglienza, ma al momento non c’è arrivata alcuna richiesta in questo senso”.

A La Spezia è stata allestita una zona d’accoglienza con 100 brandine, ha spiegato l’assessore regionale alla Protezione Civile, “a disposizione per il periodo che va dalla fine di tutte le operazioni, sia sanitarie che di identificazione, e il punto di destinazione”. Tra i migranti una ventina di persona ha presentato problemi sanitari legati sia alla disidratazione che a qualche malattia infettiva di lieve entità.

 

(6 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE