Si sospetta che al ministro Nordio sia sfuggito il rapporto mafie-economia reale (vedi processo AEmilia)

Leggi di più

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

Volpi e Garozzo consegnano il fioretto alla Città di Torino

di Redazione Torino Il Grand Prix FIE TROFEO INALPI incorona Torino capitale mondiale del fioretto nell’ambito della prima prova del calendario GRAND PRIX SERIE 2023 di fioretto maschile e femminile in programma al Pala Alpitour dal 10 al 12 febbraio, Alice Volpi e Daniele Garozzo consegneranno il fioretto al sindaco Stefano Lo Russo e all’assessore allo Sport e […]

Tragedia sul lavoro nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio: muore un 33enne

di Redazione Alessandria Tragedia nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio, nell’Alessandrino attorno all’una di notte del 7 febbraio. Uno scoppio, dovuto probabilmente a una fuga di gas, e la fiammata che ne è seguita, ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di un altro operaio. La vittima è un uomo di 33 anni, calabrese, in […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

CONDIVIDI

di Giancarlo Grassi

Se non fosse quasi incredibile, vista la statura del personaggio, la sua grande cultura giuridico-politica e istituzionale, i ruoli importantissimi rivestiti all’interno del quadro istituzionale fino all’investitura a ministro fortissimamente voluta dalla presidente del consiglio Meloni, diremmo che al ministro Nordio sia sfuggito qualche passaggio.

Il sospetto viene dopo avere ascoltato le dichiarazioni sulle intercettazioni, rivoltate e ricucinate in alcune salse diverse, con smentite e riconferme ed opportune traduzioni e ri-traduzioni dai traduttori simultanei interni ai partiti di governo, sulle intercettazioni e sui mafiosi che non parlano (e magari non vedono e non sentono, proprio come certi governi) in una interpretazione dell’agire mafioso perlomeno peculiare.

Parrebbe infatti che la pericolosissima infiltrazione mafiosa messa in luce dal processo Aemilia (‘ndranghetista, nel caso specifico, ma è solo un esempio) sia un episodio isolato e che la vera narrazione legata alla mafia sia quella legata ai trojan, ai mafiosi che al telefono non parlano e via raccontando. La questione è delicatissima, considerando la statura del personaggio che la agita con dichiarazioni discutibili, e ha messo in allarme Fdi, Lega e altri cespugli filo-destristi – che non si sa mai che alla premier non serva una spalla su cui piangere quando arriveranno i veri tempi dura…. Intanto i mal di pancia aumentano.

 

(20 gennaio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: