Pubblicità
27.7 C
Roma
27.6 C
Milano
domenica, Aprile 14, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaI dolori di Fratelli d'Italia e il candidato intercettato mentre chiede voti...

I dolori di Fratelli d’Italia e il candidato intercettato mentre chiede voti al boss

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

Non stupisce tanto che l’abbiano pizzicato, quanto che fosse stato candidato senza le opportune verifiche, il candidato di Fratelli d’Italia che la polizia ha arrestato con l’accusa di scambio elettorale politico-mafioso: lui è Francesco Lombardo, e il boss a cui avrebbe chiesto i voti – indagini sono in corso – è il mafioso Vincenzo Vella, boss di Brancaccio, già condannato tre volte per associazione mafiosa. E non è che si possono controllare tutti ‘sti candidati, si dice spesso….

Lombardo si era candidato nell’appetibilissima lista meloniana per il candidato al Consiglio comunale di Palermo, appetibilissima perché in ascesa e nelle simpatie degli italiani, almeno pare, e il 28 maggio scorso, secondo l’accusa, avrebbe incontrato il mafioso e gli avrebbe chiesto il sostegno alle elezioni di domenica prossima. Dato che due giorni fa per lo stesso reato, erano finiti in cella un candidato al consiglio comunale di Forza Italia e un costruttore mafioso. Decisive, riporta l’ANSA, per entrambi le operazioni, le intercettazioni ambientali.

Presumibilmente basita Meloni d’Italia ha reso noto, attraverso una nota stampa del suo partito, di avere “dato mandato ai propri legali di costituirsi come persona offesa dal reato riservandosi di costituirsi parte civile qualora l’ufficio della Procura eserciti l’azione penale”.

 

(10 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE