20.6 C
Roma
19.2 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
poche nuvole
15.7 ° C
17.5 °
14.1 °
83 %
0.7kmh
16 %
Sab
15 °
Dom
20 °
Lun
20 °
Mar
23 °
Mer
26 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaSalvini ordina ai suoi di non andare da Meloni. Siamo alle destre...

Salvini ordina ai suoi di non andare da Meloni. Siamo alle destre del “Con te non gioco più”

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giovanna Di Rosa

Prosegue senza sosta e nell’apparente immobilismo di tutte e tutti la frammentazione delle granitiche destre italiane che sotto la spinta di Meloni vedono messe in crisi gerarchie, maschilismi, colonnellismi, patriarcato nero e tutte le balle degli ultimi trent’anni. Così Salvini ha bisogno di puntare i piedi e fare il capo ordinando ai suoi di non partecipare alla conferenza programmatica di Fratelli d’Italia a Milano (in programma il 30 aprile e 1 maggio).

Così, velocemente, Meloni e Salvini si muovono verso lo smembramento di una destra unita solo a parole, dicasi smembramento alla francese (andate a vedere cosa succede Oltralpe), ma lo fanno in stile tutto italiano: ridammi le mie cose, a casa mia non ci vieni più, con te non gioco più e la mia destra è più destra della tua. Perché così si costruisce una destra granitica, giocando a chi ce l’ha più duro come avrebbe detto un tempo l’ormai vetusto Umberto Bossi.

Ritirata la delegazione del Carroccio dalla conferenza programmatica del partito della Le Pen de noantri, il segretario leghista che si è distrutto con le sue mani, pensa di avere messo un punto. In realtà la faccenda si complica perché le granitiche destre unite e indistruttibili sono alla frutta in tutte le città dove si votano per i consigli comunali e vanno in ordine sparso, anzi sparsissimo: succede a Palermo a Verona, a Viterbo e a Messina. A Palermo per le destre corrono in cinque, forse sei, perché è meglio non farsi mancare nulla, e Salvini in anteprima siciliana ha coniato persino il nuovo Prima l’Italia, ennesimo contenitore-clone aperto a tutte le destre che non siano meloniane, perché dopo le recenti figuracce internazionali il logo Lega per Salvini (come già successo per Genova dove è diventato Lega per Bucci) meglio metterlo al fresco per un po’, che si mantenga per un futuro sempre più conservatore – e magari meno inconcludente e meno filo-russo.

 

(30 aprile 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 



Roma
cielo sereno
20.6 ° C
21.4 °
19.9 °
53 %
1.5kmh
0 %
Sab
21 °
Dom
28 °
Lun
31 °
Mar
34 °
Mer
35 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE