Il tennista e la protervia

Condividi

di La Redazione

C’è veramente qualcosa di surreale nella pretesa di Djokovic e dei suo codazzo di avvocati, di essere al di sopra delle leggi di uno stato sovrano. C’è qualcosa di surreale nel modo in cui questa provocazione è stata condotta, decisa, forse studiata studiata; così come è surreale che la Serbia convochi l’ambasciatore australiano per una scorrettezza formale di un proprio cittadino sul suolo australiano; come è inaccettabilmente surreale che il padre dell’atleta dichiari: “Lo tengono prigioniero, pronti a ritrovarci in strada per lui. È lo Spartaco del nuovo mondo”, come riportato dal Corriere o che il ministro dello Sport serbo Vanja Udovicic, dichiari “Sono scioccato da quello che sta succedendo a Novak, e non posso credere che qualcuno si dia il diritto di molestare [sic] il miglior atleta del mondo in questo modo”.

E’ evidente il grande insormontabile problema del nostro tempo: troppi si credono superiori alle leggi di uno stato sovrano in nome di un proprio credo [sic] personale farcito di protervia, arroganze, pregiudizi ed ignoranza che si pretende di esportare ritenendo se stessi, evidentemente, superiori alle leggi di uno stato sovrano.

Succede quando ciò che si ritiene di essere, spesso molto al di là di ciò che si è, viene ritenuto così importante da pensare che il proprio nome e cognome aprono qualsiasi porta, in sfregio alle regole di un paese sovrano, sentendosi fin troppo simili a un dio. Al tennista potrebbero esplodere tanto la racchetta che tanto abilmente stringe con la destra, quanto la carriera vincente che lo ha fatto sentire, agli occhi suoi, di famigliari e concittadini, emissario di certo nazionalismo un po’ cieco e un po’ troppo arrogante portandolo a volere essere sopra la Legge.

 

(6 gennaio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: