28.9 C
Roma
domenica, Settembre 26, 2021

E nella domenica dei miracoli arrivò anche la Pax Contiana

di Daniele Santi, #Politica

Dopo che Giarrusso era riuscito a passare su diversi canali televisivi sostenendo la tesi che la riforma Cartabia fosse imputabile di errori costituzionali e quindi possibilmente incostituzionale, con sprezzo del pericolo e della conoscenza, dimostrando di non sapere nemmeno chi sia l’attuale ministra Cartabia, le buone ambasciate di Di Maio, abile tessitore, ricomponevano le fratture tra Conte e Grillo (chissà quanto dura) e l’ex presidente del consiglio poteva gioire di tutte politiche del momento.

Con un post su Facebook Conte esternava la sua soddisfazione per l’accordo raggiunto nella maniera contiana che gli è usuale, dicendo poco e molto lasciando intendere, senza entrare in dettagli inutili come il terzo mandato e il dimezzamento dei parlamentari che costituiranno il prossimo scannatoio a 5 Stelle possibile.

 

Sono pienamente soddisfatto dell’accordo raggiunto con Beppe Grillo, con il quale in questi giorni ho avuto modo di…

Pubblicato da Giuseppe Conte su Domenica 11 luglio 2021

 

Insomma la sciagurata ipotesi di scissione (che vedeva Grillo in netta minoranza, ma nessuno con un minimo di senno potrebbe gioire dell’implosione dell’attuale partito di maggioranza in Parlamento), ora il M5S a guida Conte può ripartire e lasciare Grillo alle prese con le sue beghe personali che un po’ fuori di testa ce l’hanno mandato. Ora, come da un po’ di tempo a questa parte, toccherà aspettare e stare a vedere. Perché tra Pax Contiana, Pax Draghiana e Salvini nel ruolo di professore di Diritto [sic] tutto filo-istituzionale la politica è molto meno appassionante – anche se assai più comica.

 

(12 luglio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 



POTREBBERO INTERESSARTI

4,637FansMi piace
2,370FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: