Pubblicità
sabato, Aprile 20, 2024
8.6 C
Roma
10.1 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertina“I Conti di Grillo”.  Lorenza Morello c'è

“I Conti di Grillo”.  Lorenza Morello c’è

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Lorenza Morello #lorenzamorellocè

Oltre che una questione politica tra il Beppe Grillo e l’ex Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, c’è una bella grana economica tra i due schieramenti.

Eh sì, perché ballano la bellezza di 12,6 milioni sul tavolo del Movimento 5 Stelle alle prese con la profonda spaccatura tra i due. I rimborsi ai gruppi parlamentari dei Cinquestelle ammontano infatti a 8,5 milioni di euro per quanto riguarda i 161 deputati della Camera, e a 4,1 milioni per i 75 rimanenti senatori di Palazzo Madama. Tale cifra è ritenuta “essenziale” per far andare avanti il Movimento e la sua attività politica, visto che non sono consentiti finanziamenti privati e ormai gli eletti non mettono più un euro di tasca propria nelle casse.

Inoltre, con la separazione tra le due forze rischiano il posto 135 dipendenti (80 a Montecitorio e 55 al Senato), che consentono il funzionamento della macchina parlamentare grillina (e sono il bacino di voti di riferimento per il – nemmeno troppo nostrano – criterio di selezione politica secondo cui l’elettore “vota chi gli dà da mangiare”). Con la scissione, quindi, bisognerebbe partire con i licenziamenti, visto che non ci sarebbero i fondi per pagare gli stipendi. E Conte per creare il suo nuovo partito, e non perdere i voti che nemmeno è ancora certo di avere, ha bisogno di soldi, e il suo primo passo è quello di fondare due nuovi gruppi parlamentari. Ma i fedelissimi di Grillo sono già più che diffidenti sui movimenti dell’avvocato: “Con quali fondi parte il suo partito? Finanziamenti dai privati? Quelli che abbiamo sempre rifiutato in nome della trasparenza?”.
Certo è che per l’ennesimo esponente che dichiara “dopo questa mia esperienza al servizio del paese tornerò a fare quello che facevo perché la politica è un servizio e non certo una professione” non sarà certo difficile giustificare questo cambiamento radicale (da sempre perpetuato da qualsiasi forza politica, quindi non si capisce davvero perché questi dovrebbero far diverso), e poi, per dirla con Vecchioni “…e se hai le mani sporche che importa? Tienile chiuse, nessuno lo saprà”.

 

(3 luglio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 




Pubblicità

LEGGI ANCHE