Per far la vita meno Amara #Giustappunto di Vittorio Lussana

Pubblicità

Condividi

di Vittorio Lussana #Giustappunto

“Fidati del vento, ma non fidarti di chi parla lento”, recita un vecchio adagio. E adesso, comprendiamo bene perché: il nostro avvocato Amara, l’uomo più indecifrabile del foro di Roma, a quanto pare sarebbe al centro di una serie di scambi di favori, che comprenderebbero anche alcuni procedimenti relativi all’ex Ilva di Taranto. E infatti, anche l’ex procuratore del capoluogo pugliese, Carlo Maria Capristo, risulta anch’esso indagato e agli arresti su richiesta dei magistrati di Potenza.

Già era discutibile che un personaggio del genere finisse in televisione come “l’uomo che sta facendo tremare i palazzi del potere”, poiché un’intera puntata tv dedicata a un faccendiere del genere è un po’ come intervistare il toro in un’inchiesta sulle corride iberiche. Oltre a ciò, la vicenda di Amara e ‘compagnia cantante’ rende bene l’idea di come il nostro ‘generalismo televisivo’ abbia sostanzialmente distrutto questo Paese in ogni suo ambito e professione, stabilendo scientemente che certa gente abbia sempre il proprio momento di gloria, mentre chi dovrebbe essere premiato veramente, finisce nel dimenticatoio.

Certo, bisogna essere garantisti: anche questo è vero. Bisogna attendere che i fatti vengano accertati, come al solito. Ciò non toglie che questo Paese abbia ormai dei problemi evidenti, se proprio non riesce a fare a meno di mandare avanti gente del genere. Ma lasciamo perdere: siamo anche in un Paese in cui non si può discutere di giornalismo televisivo senza essere accusati di chissà quali invidie.

Ricordiamolo questo: siccome qui da noi la gente non capisce un cavolo, meglio limitarsi a tirare un sospiro di sollievo se viene arrestato un avvocato corrotto che, quando apre bocca, non si capisce mai dove voglia o non voglia andare a parare. E adesso sappiamo perché: la sua tendenza ai giri di valzer allude senza mai connotare. Dunque, sostanzialmente a nascondere. Adesso, vedremo cosa salterà fuori.

L’ambito dell’inchiesta, oltretutto, riguarda più indagini: il ‘sistema Trani’; la già citata ex Ilva di Taranto, la cui proprietà proviene da una serie di condanne pesantissime; una serie di altri reati accessori, per gente che proprio non ama farsi mancare qualcosa. Staremo a vedere come va a finire. Quel che appare evidente è che, con gente del genere in circolazione, cominciamo veramente a pensare che l’Italia non sia più un Paese vivibile, soprattutto per le generazioni più giovani.

Qui da noi, dominano soltanto ‘mafiette’ e conventicole. Almeno fin quando non vengono colte con le ‘mani nel sacco’. Ma che brave persone…

 

(8 giugno 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 




Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Giorgia Meloni fu Ministra nel Governo Berlusconi IV dal 2008 al 2011. Pubblichiamo gli atti

di Giovanna Di Rosa #Maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #Maicoifascisti   La Signora On. Meloni, ex Ministra del governo Berlusconi IV che fu...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: