22.9 C
Roma
lunedì, Agosto 2, 2021

Matteo Salvini e il “Calumet della Pece”

di Giovanna Di Rosa, #Politica

A poco sono serviti i post preventivi del tribuno leghista. Non ce l’ha fatta lo stesso. Non è proprio credibile un Salvini che parla di avere a cuore la libertà e poi si accoppia con le tesi politiche dei peggiori illiberali d’Europa, non è credibile. Ma lui ci prova sempre. Ci prova contro il suo stesso partito all’interno del quale la fronda governativa, che non è formata soltanto da Giorgetti ma vede importanti spinte anche da Zaia e da quel Veneto leghista che Salvini ha pensato di commissariare imponendo alcuni dei suoi (pare all’insaputa del Doge Zaia), è favorevole a mantenere lo status quo e disposta ad ingoiare anche il DDL Zan.

A poco sono serviti gli inviti a bersi un caffè, perché gli inviti di Salvini alla concordia sono polpette avvelenate, lo sanno anche i vegetariani, e Fedez che non è certo scemo, non c’è cascato. E non c’è cascato nessuno, a parte i fans e le groupies del leader della Lega che sbavano ad ogni bugia. Il suo suo era il calumet della pece altro che mano tesa.

 

(3 maggio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI

4,576FansMi piace
2,368FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: