Scrive il quotidiano spagnolo ABC che Nicolás Maduro avrebbe finanziato il M5S con tre milioni e mezzo di euro

Pubblicità

Condividi

di E.T. #Chavismo twitter@gaiaitaliacom #M5S

 

Secondo il quotidiano spagnolo ABC il dittatore venezuelano Nicolás Maduro avrebbe dato la sua autorizzazione ad un finanziamento di 3,5 miloni di euro al M5S in nero, attraverso l’invio di un valigetta che conteneva il denaro al consolato venezuelano di Milano. Il quotidiano cita documenti classificati come segreti a cui il quotidiano ABC avrebbe avuto accesso.

A ricevere il denaro fu direttamente, secondo quanto riporta il quotidiano, il defunto co-fondatore Gianroberto Casaleggio al quale il denaro sarebbe stato consegnato dal console venezulano a Milano, Gian Carlo di Martino che ebbe funzioni di intermediario.

Nicolás Maduro dio su autorización en 2010 al envío de una maleta que contenía 3,5 millones de euros al Consulado venezolano en Milán para financiar en negro al Movimiento 5 Estrellas, partido nacido en octubre de 2009 para hacer política apartidista en Italia y que ahora gobierna en el país transalpino. Así se refleja en documentos clasificados como secretos de la Dirección General de Inteligencia Militar del país caribeño a los que ha tenido acceso ABC. El actual jefe del Ejecutivo de Caracas era entonces ministro de Exteriores.

El cónsul de la legación diplomática de Venezuela en Milán, Gian Carlo di Martino, actuó como intermediario antes de que el destinatario final, Gianroberto Casaleggio recibiera el dinero en metálico.

L’articolo firmato da Marcos García Rey parla di Casaleggio come del “promotore di un movimento di sinistra rivoluzionario e anticapitalista nella Repubblcia d’Italia” – a conferma della nostra teoria bizzara che in italia più si dichiarano rivoluzionari più son neofascisti. i 3,5 milioni di euro furono inviati a mezzo “valigetta diplomatica” sicura e insospettabile, così come riportato dagli archivi del 2010 che fanno riferimento a Hugo Carvajal, che nel 2010 dirigeva il dipartimento. Carvajal è ora caduto in disgrazia, dopo che l’Assemblea nazionale venezuelana ha approvato nel novembre scorso la sua estradizione negli Stati Uniti e non si sa dove sia.

Il M5S si oppose sempre con fermezza a qualsiasi condanna nei confronti del regime venezuelano capitanato dal dittatore populista Nicolás Maduro, un ex taxista arrivato al potere in maniera oscura, dopo le mai chiarite circostanze della morte di Hugo Chávez avvenuta a Cuba, e la cui incompetenza ha affamato il Venezuela.

Il regime venezuelano da parte sua ha già smentito tacciando i documenti di “falso”.

la foto ABC del documento secretato che parla del finanziamento descritto nell’articolo

 

(15 giugno 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 

 

 

 




Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: