Salvini e Borgonzoni dal Format della Gogna al format della vittima

Pubblicità

Condividi

di G.G. #formatdellagogna twitter@gaiaitaliacom #maiconsalvini

 

Avrete notato la velocità con la quale il Tribuno leghista già ministro dell’Interno è passato con sprezzo del pericolo ed una certa incoscienza istituzionale, tipica di chi si sente invulnerabile per motivi che ci sono sconosciuti, ma forse a lui no, dal Format della Gogna in diretta televisiva, con video su Facebook poi rimossi, nell’apparente silenzio generale, al format del vittimismo.

Insomma lui e Borgonzoni, soprattutto lui che ha trasformato il voto in Emilia Romagna in referendum sulla sua persona, e la gente ha scelto Bonaccini sono già entrati nel post-elezioni decidendo che la nuova strategia è: abbiamo perso perché nessuno ci vuole e Lucia è una donna, e siamo stati vittime di violenza verbale e discriminazioni. Loro. Che ad ogni parola seminano odio e divisione sociale, loro – i leghisti del centro-destra – che in Calabria hanno un eletto già nei guai con la giustizia appena 72 ore dopo la chiusura dei seggi, devastati da una rabbia così potente da portare il presidente della regione Lombardia a dire che in Emilia Romagna sono “stati portati ai seggi disabili e centenari”: e meno male, ad ulteriore dimostrazione che in Emilia Romagna i servizi funzionano.

Ora riparte l’ennesima campagna elettorale, ci sono elezioni tra pochi mesi e Salvini in Senato si vedrà sempre meno, mentre è sempre più possibile che Borgonzoni decida di rimanere in Senato invece di stare in consiglio regionale come capo dell’opposizione – ma voi la vorreste una capo così?

Poi ci sono altre faccenduole, come l’indagine interna all’arma dei Carabinieri sui fatti del Pilastro e sulle ragioni della scorta a Matteo Salvini mentre stava compiendo un’azione sconsiderata espondendo alla gogna pubblica un minore sulla base del pettegolezzo di una donna del luogo.

 

(30 gennaio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 




Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: