N)v8mxJD#1BjWFxqTDvWhqPw
26.8 C
Roma
28.2 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
23.7 ° C
25.6 °
21.7 °
70 %
2.6kmh
2 %
Gio
27 °
Ven
28 °
Sab
27 °
Dom
22 °
Lun
26 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertina ModenaL’apocalittica narrazione leghista su normali accadimenti che diventano catastrofi inesistenti

L’apocalittica narrazione leghista su normali accadimenti che diventano catastrofi inesistenti

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di G.G. #Lopinione twitter@modenanewsgaia #Catastrofismi

 

Nei giorni scorsi la città di Sassuolo ha vissuto una serie di black out che hanno creato qualche preoccupazione tra i cittadini e più serie difficoltà alle aziende che vedevano interrompersi i cicli produttivi con problemi alle apparecchiature informatiche, molto sensibili alle interruzioni di correnti improvvise.

Tanto è bastato al neo Sindaco leghista per scatenarsi nella composizione di una lettera nella quale si evocano inenarrabili catastrofi, troppo numerosi “affinché” – che si scrivono con l’accento acuto, per la pronuncia della “e” chiusa – e i soliti delinquenti che, la lettera non lo dice ma lo evoca, a causa del black out avrebbero saccheggiato case, aziende e reso le case una specie invasione barbarica post romano impero.

Posto che non ci si aspetta nulla di diverso da un rappresentante dell’onda neroleghista di oscurantismo che obnubila il volgo già obnubilato, troviamo divertente che il neo Sindaco decida di chiudere la lettera assumendosi il merito di avere fatto cessare i black out con il semplice suo invio. Chiosa infatti Menani:

In attesa delle risposte, un primo risultato è già stato ottenuto: dall’invio della lettera i problemi non si sono più ripetuti”.

Ecco quindi servito il dio leghista il cui verbo terrorizza ed una volta articolato, discutibilmente anche da un punto di vista stilistico, risolve ogni problema semplicemente perché ha scritto, senza nemmeno pensare che si sta coprendo di ridicolo. E’ infatti impensabile che nessun cittadino, o nessuna azienda, abbia chiamato ripetutamente i fornitori e gestori di energia elettrica in una società  perennemente iperconnessa e nella quale l’energia è più necessaria del buon senso che dovrebbe governarla.

Insomma, è all’opera in provincia la narrazione neroleghista di un mondo medievale imbarbarito dove morte, distruzione e saccheggio spadroneggiano.

E’ un mondo che non esiste, e i nuovi barbari sono loro, ma una volta trovati i clienti e finché il prodotto vende, non c’è ragione di cambiare l’offerta.

 

 


 

(21 giugno 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 





 

 

Roma
cielo sereno
26.8 ° C
30.2 °
25.3 °
66 %
2.2kmh
0 %
Gio
36 °
Ven
36 °
Sab
36 °
Dom
35 °
Lun
34 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE