22.4 C
Roma
17.8 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
11.8 ° C
14.5 °
9.6 °
88 %
4kmh
6 %
Sab
22 °
Dom
16 °
Lun
21 °
Mar
21 °
Mer
21 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCoherentia et honestate"Non sono disposto a vivacchiare" ma "vivacchiare" è meglio che schiattare

“Non sono disposto a vivacchiare” ma “vivacchiare” è meglio che schiattare

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giovanna Di Rosa #Vivacchiare twitter@gaiaitaliacom #Pentaleghismo

 

Così siamo passati dalla dichiarazione roboantenon sono disposto a vivacchiare“, al “vivacchiare” puro e semplice. Che è sempre meglio di schiattare. Sembra essere questa la rapida evoluzione del primo ministri invisibile di un governo demenziale che litiga su tutto e non decide su niente, capace soltanto a fare proclami.

Subito dopo la sua conferenza stampa, divertentissima, tutto un saliscendi di pendii scoscesi e di risalite, che Mogol è un dilettante al confronto; tutto un frinir di citazioni e di fasi 1, 2 e 3 e fante cavall’erré, e quindi l’esecutivo che immediatamente blocca, e ci pianta su un casino che non finisce mai, lo sblocca cantieri – ribattezzato sbroccacantieri – che il premier che chiede permesso anche per dimettersi aveva giurato sarebbe stato approvato subito. Che futuro può avere un paese dove al progetto politico si sostituisce la propaganda quotidiana contro un nemico al giorno e dove non si imbastisce una strategia di crescita economica, sociale e politica?

La questione pare interessare a pochi, particolarmente a quel 32,4% di Italiani che hanno votato per il partito di Di Maio un anno fa, ora precipitati al 18% più o meno, e che vedremo cosa succederà quando si tornerà alle urne. Interessa assai di più agli elettori di Salvini che sono parte della classe dirigente che produce reddito nelle grandi regioni del nord e che prima o poi gli presenteranno il conto. Per ora pare che lo sblocca-cantieri sia stato sbloccato – questo paese è ormai il regno delle ridondanze – lo riferirebbero fonti di palazzo Chigi ad alcuni quotidiani seri.

Nel frattempo suona come un triste presagio la battuta del premier-battutista: “Se cade governo mi candido? Se il posto è libero sarei disposto ad allenare la Roma”

Considerando l’aria che tira nella società giallorossa vuoi vedere che lo prendono sul serio?

 





 

(4 giugno 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 





 

Roma
foschia
22.4 ° C
24.2 °
20.8 °
62 %
1kmh
0 %
Sab
31 °
Dom
26 °
Lun
27 °
Mar
28 °
Mer
26 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE