Home / Copertina / L’Espresso non ha diffamato Massimo D’Alema che dovrà pagare le spese processuali

L’Espresso non ha diffamato Massimo D’Alema che dovrà pagare le spese processuali

di Redazione #Roma twitter@gaiaitaliacom #Politica

 

L’ex presidente del Consiglio, Massimo D’Alema, è stato condannato dal giudice della sezione civile del tribunale di Roma, Marzia Cruciani, al pagamento delle spese processuali nei confronti de L’Espresso, avendo il magistrato respinto l’azione promossa dal politico contro il settimanale ed i suoi giornalisti che aveva l’obbiettivo di ottenere un risarcimento per danni, dopor un’inchiesta su affari e politici pubblicata dal giornale cinque anni fa.

D’Alema aveva citato a giudizio Lirio Abbate, oggi vicedirettore del settimanale e il direttore dell’epoca, Bruno Manfellotto, per l’inchiesta dal titolo “Larghe intese larghi affari”; la sentenza definisce come “innegabile l’interesse della vicenda” raccontata.

Maggiori dettagli qui.

 




 

(9 ottobre 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

Comments

comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi