Home / Copertina / Gli Italiani vanno alla guerra inebriati dalla pozione d’odio quotidiana dal Tribuno in camicia verde

Gli Italiani vanno alla guerra inebriati dalla pozione d’odio quotidiana dal Tribuno in camicia verde

di Giancarlo Grassi #Politica twitter@gaiaitaliacom #pentaleghismo

 

 

Non vedevano l’ora gli Italianucoli del lei non sa chi sono io, quelli che l’ordine prima di tutto basta che io possa fare quello che cazzo mi pare, i diretti discendenti dei poveracci che osannavano in piazza Venezia un nanetto che avrebbe portato l’Italia al disastro, di trovare un nuovo pifferaio magico che spargesse odio e razzismo per riempire i loro cuori del fuoco della conquista e dell’Italia agli Italiani. Sono i buoni cattofascisti che hanno una cattiva comprensione del famoso ama il prossimo tuo come te stesso che trasformano in ama il prossimo tuo più di te stesso. E naturalmente rifiutano una simile onta. L’egoismo è una brutta bestia. L’ignoranza lo è ancora di più.

Gira su diversi media la notizia secondo la quale gli Italiani sarebbero in maggioranza soddisfatti dell’operato del governo Conte. E non è nemmeno curioso, è esilarante vedere come gli Italiani si entusiasmino per nulla perché il governo Conte non ha fatto niente. Assolutamente niente. Chi ha fatto fuoco e fiamme individuando prontamente i nemici da indicare agli Italiani che vanno alla guerra è stato Matteo Salvini, è quindi chiarissimo che gli Italiani identificano il governo Conte con il ministro dell’Interno che indica in televisione quali sono i suoi nemici e a chi togliere le scorte. Ma questo non è governare gli Italiani. Questo è esaltarli con azioni al limite della legalità propagando odio contro l’altro. Quando toccherà ai vostri figli essere confinati da qualche parte perché differenti ne riparleremo. Per ora continuate a prendervela con i Rom e i migranti.

Ubriachi delle azioni del tribuno in camicia verde gli Italiani hanno già dimenticato che i problemi con i quali l’Italia doveva – e deve – confrontarsi sono: la mancanza di lavoro, un debito pubblico spaventoso, una burocrazia insostenibile, una classe politica di impresentabili. Tutto questo faceva parte dei programmi elettorali dei pentaleghisti, programmi cambiati più volte e a più riprese nel corso delle elezioni, e dopo le elezioni con quel famigerato contratto del quale sono girate copie, ma che non è mai stato letto integralmente. Ora i problemi principali degli Italiani sono i migranti, i Rom, le coppie dello stesso sesso. Proprio in quest’ordine.

Gli Italiani hanno già dimenticato che il partito di Salvini deve alcune decine di milioni allo Stato Italiano che ora sta governando e che a questo proposito ha i conti correnti sequestrati. Hanno già dimenticato gli affari privati di Umberto Bossi fatti con soldi pubblici, quell’Umberto Bossi che siede in Senato e continua a prendere lo stipendio dagli Italiani che vanno alla guerra. Hanno dimenticato le firme false, loro che vogliono l’onestà a tutti i costi, che sono un vizietto che Lega e M5S hanno in comune.

In nome di un sobillatore d’odio che parla ai loro sempre troppo grassi intestini i nostri compatrioti si lanciano alla conquista del mondo e alla difesa dei suoi sacri confini senza vedere che i veri nemici ce li ha in casa e sono Italiani. L’egoismo è una brutta bestia. L’ignoranza lo è ancora di più. Così che quando toccherà ai vostri figli essere confinati da qualche parte perché differenti ne riparleremo. Per ora continuate a prendervela con i Rom e i migranti.

 





(22 giugno 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi