Home / Copertina / Niente preghiera riparativa contro il Bergamo Pride, il Popolo della Famiglia fa dietrofront

Niente preghiera riparativa contro il Bergamo Pride, il Popolo della Famiglia fa dietrofront

di Paolo M. Minciotti #LGBTQI twitter@gaiaitaliacom #bergamopride

 

 

Dovevano riunirsi per una preghiera riparativa no, non contro i preti pedofili – per mondare le anime dei peccatori che avrebbero partecipato al Bergamo Pride del 19 maggio prossimo, ma poi sono stati “minacciati”, ma non hanno denunciato le minacce per il loro buon cuore di cattolici integralisti; l’unica cosa certa, e non terrano la loro annunciata preghiera di riparazione del 21 maggio contro il Bergamo Pride, che è stata annullata.

Non è che il Popolo della Famiglia sia rinsavito. Forse hanno solo deciso che gli fa più comodo così e, francamente, in tempi in cui il pontefice romano si scaglia contro gli scandali della pedofilia tra i preti, andare a discutere della sessualità altrui non sembra proprio un ottima idea. Magari c’hanno anche pensato.

 




(15 maggio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi