La giunta neofascista di Todi nega il patrocinio all’ANPI per il 25 aprile. Il Sindaco: “Sono di parte”

Pubblicità

Condividi

di Giancarlo Grassi #Todi twitter@gaiaitaliacomlo #politica

 

 

Todi è un luogo magnifico dove purtroppo troppi sono convinti di essere aquile e che le loro scelte cambieranno la storia di un paese. Abilissimi nel vendere una statistica degli anni ’80 che li voleva uno dei posti migliori dove vivere, sono rimasti là, dove li avevano collocati ormai quarant’anni fa e riescono a distinguersi per poche cose: un festival teatrale asfittico dove gli spettatori si lamentano di non capire le battute degli attori, senza accorgersi che non stanno zitti un minuto e, da più di un anno, una giunta neofascista che più di destra non si può, che si distingue per essere stata la prima nella storia dell’Umbria antifascista – cioè quella del dopoguerra – a non avere concesso il patrocinio del Comune all’ANPI in occasione del 25 aprile. Quello di quest’anno.

La giustificazione? Non c’è, ma c’è un’opinione. Il Sindaco ha detto: “Sono di parte”. Lui naturalmente non si considera di destra, solo di parte, ed è di Forza Italia che è quel partito di centro [sic] che, grazie a Berlusconi, ha sdoganato i nuovi fascismi italiani: tant’è vero che in giunta a Todi c’è pure Casapound. Perché bisogna essere fieri di essere di parte e sapere di cosa si parla quando lo si è. E bisogna sempre superare il maestro. Così che si è deciso di ignorare la Liberazione del 25 aprile del 1945.

La giunta aveva già richiamato l’attenzione sull’inutile cucuzzolo sulla quale è arroccata insieme ai quattro gatti che la votano (gli altri quattro si sentono di centrosinistra, ma hanno anche loro la pessima percezione di sé che li porta a sentirsi aquile sarà per via del simbolo del paesucolo), quando alcuni mesi fa aveva censurato libri ritenuti troppo osé per l’ideologia fascioclericale al potere che vennero epurati dalle biblioteche cittadine.

Era il 22 novembre del 2017 e già in quel frangente avemmo la pessima sensazione che ciò che cercava la giunta al potere fosse visibilità a tutti i costi.

Difetto tipico di tutti i mediocri.

 





(24 aprile 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Giorgia Meloni fu Ministra nel Governo Berlusconi IV dal 2008 al 2011. Pubblichiamo gli atti

di Giovanna Di Rosa #Maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #Maicoifascisti   La Signora On. Meloni, ex Ministra del governo Berlusconi IV che fu...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: