Home / Copertina / Vince l’Italia dei partiti omofobi, la comunità [sic] lgbtqi farebbe bene a ricordarlo

Vince l’Italia dei partiti omofobi, la comunità [sic] lgbtqi farebbe bene a ricordarlo

di Paolo M. Minciotti #lgbtqi twitter@gaiaitaliacom #politica

 

 

Svegliandomi stamane mi sono trovato sullo smartphone alcuni messaggi via Whatsapp da amici gay e amiche lesbiche (più un’amica trans), che inneggiavano alla vittoria del 5Stelle e di Salvini. Non mi stupisco più di nulla, ma il tenore dei messaggi mi ha sconcertato. Perché questo è un paese di cittadini senza memoria o con la memoria corta. E la lingua troppo lunga.

Il M5S ha tentato in tutti i modi di far saltare la legge sulle Unioni Civili che, per schifosa che sia, consente alle persone omosessuali una serie di tutele. Brutta legge? D’accordissimo. Ma è molto meglio di niente. Matteo Salvini ha dichiarato a più riprese che, se avesse vinto, avrebbe abolito la legge sulle Unioni Civili. E non per farne un’altra. Lo farà? Non lo farà? Non lo sappiamo. Salvini dice molte cose. Ma preferisco un leader che non minaccia di togliere libertà a chi ne ha già meno degli altri.

Per questo trovo sconcertante che ci sia questo accanirsi su un razzismo-divisismo di facciata da parte di persone che conoscono, o dovrebbero conoscere, la discriminazione e il razzismo sulla propria pelle. Da dove viene quel meccanismo che ti fa odiare qualcuno solo perché lo consideri “diverso” da te quando proprio tu sei stato odiato e definito “diverso” dagli altri? E’ qualcosa che proprio non capirò mai. E’ un po’ come il conoscente che per ragioni di lavoro frequentava il ricco mondo degli Emirati Arabi e paesi confinanti, all’interno del quale si era costruito una fitta rete di amici con i quali condivideva a suo dire, una vita sessuale intensa e più che gradevole, ma che poi chiamava gentaglia, sporca razza e via discriminando.

Gli italiani, e certamente un numero elevato di lesbiche e gay, hanno votato per partiti lesbofobi, omofobi e divisivi: il fatto che non stupisca non significa che fa bene al paese né a quello che rimane di quella comunità. Anche in questo caso certo associazionismo schierato ha offerto un pessimo esempio di sé e delle sue scelte politiche. Quest’Italia che non sa più distinguere ciò che è giusto da ciò che non lo è va ripensata, ricostruita, ristrutturata e – finalmente – risolta.

 





(5 marzo 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi